Forse non lo sappiamo, ma parliamo tutti Arabo

parole

La lingua italiana è piena di parole decisamente arabe; parole semplici, comunissime, che usiamo quotidianamente.

Queste entrarono a far parte della nostra lingua  già in epoca antichissima quando gli Arabi, più o meno dal 650 al 1100 dC, furono padroni del Mediterraneo.

Conquistarono un immenso territorio che si estendeva come un enorme abbraccio dai confini dell’India, attraverso l’Africa settentrionale, fino ai Pirenei.
In Italia tennero a lungo la Sicilia, crearono capisaldi sulle coste Italiane dalla Puglia alla Liguria, entrarono in Piemonte, sino alle Alpi.

E si sa che tutti i conquistatori lasciano sul terreno non solo sangue e distruzioni, ma anche costumi, usanze e linguaggi.

Però furono soprattutto i commerci che l’Italia tenne col loro mondo, praticamente da sempre, i veri responsabili dell’adozione, da parte nostra, di parole arabe.

Sin dall’epoca delle Repubbliche Marinare i nostri mercanti avevano uffici, oltre che in patria, anche in quelle terre; nei mercati e nelle “borse”, sino al secolo XIX non era l’inglese la lingua che gli imprenditori dovevano conoscere bene per gestire i loro affari, ma l’arabo.

Per questo i numeri che usiamo da sempre sono quelli cosiddetti arabi (in realtà sono sanscriti); e se dall’1 al 9 noi usiamo per pronunciarli parole d’origine latina lo zero è, in tutto il mondo, esclusivamente loro: sifr, dal quale deriva anche la parola cifra.

Allo stesso modo tara è la tarh (detrazione); tariffa è la ta’rifa (notizia pubblicata);  gabella la qabala (parola di origine ebraica) e il tentare la fortuna attraverso la cabala per riuscire a pagarle invece voleva dire affidarsi alla qabbalah, (tradizione dell’interpretazione delle sacre scritture).

Allora, come ora, le merci venivano acquistate tramite sensali (simsar, mediatore), trasportate da facchini (faqih) in grandi fardelli (fard, uno dei due carichi del cammello) dentro magazzini (makahzin) o  fondachi (funduq, deposito) e meticolosamente inventariate su taccuini (taquim, giusta disposizione).

I genovesi furono i primi a stiparli di cotone (qutun) e di pietre quali lapislazzuli (lazuward, azzurro).

Altri, in una gara (gara’) all’importazione, prediligevano albicocche (al-barquq), carciofi (kharshuf), arance (narangia), limoni(limum), asparagi (aspanakh),  zibibbo (zabib), zucchero (sukkar) e zafferano (za’faran).

Le carovane (carwan, compagnie mercantili), ne riempivano le stive a bizzeffe (bizzaf, gran quantità); poi ogni ammiraglio (amir, capo principe della flotta), dopo una sosta in darsena (dar-sina’a, casa del mestiere) per controllare che tutto fosse a posto, dava l’ordine ai marinai di staccare le gomene (ghumal) dalle bitte dei moli e iniziare la navigazione verso casa.

Di notte, con la nuca (nukha, midollo spinale) piegata all’indietro, il comandante coi suoi strumenti osservava lo zènit (il punto della volta celeste perpendicolare alla testa di chi osserva il cielo) e studiava il nadìr (il punto opposto allo zènit).

Sferzato dallo scirocco (shuluq) e dal libeccio (lebeg), pensava alle serate tranquille trascorse a casa sua sdraiato sul divano (diwan)  giocando a scacchi (schiah) con la moglie e sorseggiando sciroppo (sharub) di ribes (ribas) e sherry (xeres), mentre i figli allegri in giardino si scatenavano in partite a volano con le racchette (rahet, palmo della mano).

Il mercante invece, in pigiama (payjamé, vestito con le gambe) sdraiato sul materasso (matrah) non riusciva a dormire.

Sorseggiando caffè (kahvè), teneva stretta a sé la valigia (valiha) degli ori, paventando l’irruzione di un ladro reso magari talmente violento dall’alcol (al-kuhl)  da diventare un feroce assassino (hashishiìn, drogato di hashish).

© Mitì Vigliero

 

Il Perfetto Menù di Natale

tavola-di-natale1.jpg 

Che sia il Cenone del 24, più diffuso al Centro-Sud, o il Pranzo del 25, d’abitudine più “nordica”…

Come deve, o dovrebbe essere, il vostro Perfetto Menù di Natale?

Un’unica raccomandazione: se citate piatti tipici, segnalate per favore anche la Regione di provenienza.

Perché oltre al BlogConcerto, qui ci si diverte a creare tutti insieme 
un collettivo
affratellante
golosissimo 
Blog-Gastronomico Natalizio!

***

 

AndreA: Beh, dalla Sardegna…I malloreddus per primo (nel caso primi ce ne siano troppi, per il secondo propongo Il maialetto arrosto)

LupoSordo: Per me non devono assolutamente mancare i cannelloni fatti da mia madre (spettacolari) e i dolci tipici della tradizione garganica: Cauzuncill’ coi cic’, Carang’, Mannule att’rat’.

Luca: (Liguria) Cito solo due portate i ravioli al sugo di mia suocera ed il panettone farcito a tramezzini con le creme che si fa noi

MimosaFiorita: Dalla Ciociaria con furore. La vigilia ci teniamo leggeri, ma, il 25 non devono mancare le fettuccine all’uovo fatte in casa, quelle tagliate un po’ doppie e porose, cosicche’il sugo si trattiene bene su di esse, poi cito solo il finale, torta di pasta frolla con la ricotta, canditi e scaglie di cioccolato, la cicirchiata e le crespelle, ciambelle di pasta lievita, che vengono fritte nell’olio, fatte dorare e poi cosparse di zucchero

SciuraPina: (Lombardia) Il piatto di lessi misti e la galantina di pollo con la mostarda e/o la salsa verde.
Con il brodo si cucinano i ravioli e il risotto giallo (alla sera). E poi l’immancabile panettone.

Beppe: Sono un misto emiliano-lombardo con radici sicule. Quest’anno ad ogni modo il menù del 25 comprenderà cappelletti in brodo, faraona arrosto (tradizione privata, questa) e la solita scorpacciata di dolci vari, spediti come ogni anno dai parenti della Trinacria.

A.t.t.i.: Da noi (sud delle Marche) si usa il cenone della Vigilia, rigorosamente di magro. Frittelle (refritte) di alici, cavolo, gobbo, baccalà. Bucatini (cefeluotte) con sugo di tonno e olive.
Baccalà in umido carpiato (nel senso che viene complicato da Pinoli, sedano a pezzetti ed uvetta sultanina). Baccalà arrosto.

Brigida: Io sono ciociara ma a casa mia a Natale viene gente dalla calabria e da Roma e da dove capita quindi regna l’anarchia più totale. Io vado pazza per i primi, tipo cannelloni, crepes oppure risotti. Naturalmente non deve mai mancare il tronchetto di natale al cioccolato e alla nocciola.

Roger: sicuramente fra gli antipasti ci saranno i CROSTINI CON I FEGATINI DI POLLO….immancabili…poi…per primo GNOCCHI DI RICOTTA E SPINACI…conditi con un alluvione di burro e coperti da un nevicata di parmigiano…arriviamo al secondo….ANATRA ALL’ARANCIA….piatto tipico toscano…..questo buonissimo piatto, che i toscani chiamavano “paparo alla melarancia” (continua)

Dontyna: Fondamentale per la mia famiglia (calabro-veneta) è la cena del 24:
antipasto: zeppole calabresi ben fritte, salatini fatti in casa, insalata di mare
primo: minestra di rane
secondo: baccalà mantecato e baccalà in umido in salsa rossa servito con polenta bianca
dolce: la chiamiamo “torronata”, è una spuma al torrone da servire con cioccolato fondente fuso.
Poi, ovviamente, abbiamo anche il pranzo del 25, ma per ora fermiamoci qui! :-)

(Continua giù nei commenti)