Il Pesto Secco

È un metodo molto antico di fare il pesto, che si usava nella stagione piena del basilico in anni in cui freezer e frigoriferi latitavano.

Nei paesi dell’Appennino ligure, lo si preparava subito prima dell’inverno e poi si conservava sotto la neve o fuori casa, al freddo.
In quelli della costa, le mogli dei marinai lo davano ai mariti da portare in barca per uscite di pesca che potevano durare più giorni.

Ovviamente non sarà visivamente il classico pesto, coi pezzettini visibili di foglioline di basilico, ma il sapore è identico e  va benissimo per quegli infelici foresti che non possono avere a disposizione a casa loro il basilico genovese. In tal modo, dopo esser passati dalla Liguria, ne possono fare scorta (vale anche per i numerosissimi genovesi emigrati in giro per lo Stivale…).
Non ci vuole il frullatore, ma il mixer (quella ciotola col coltello doppio); stavolta niente mortaio, perché sarebbe davvero una fatica bestiale…
Io lo faccio così:
*
4 mazzi di basilico (o molti di più, dipende dalla scorta che si vuole fare e quindi varieranno in proporzione di quantità gli altri ingredienti);
1 o 2 spicchi d’aglio;
1 cucchiaio di pinoli (non molti, perché sono i primi a inacidire);
formaggio grana (o grana e pecorino, a democratica scelta), 1 etto e mezzo circa;
sale da cucina.
*
Lavo le foglie di basilico perfettamente e le faccio perfettamente asciugare – non devono essere umide per niente –
Le metto nel mixer insieme ai pinoli, all’aglio e a un paio di buone prese di sale (abbondante, perché è quello che fa da conservante); mixo.
Poi aggiungo il formaggio (già grattugiato) con dosi abbondanti: quantità “a occhio”, perché deve formarsi una pasta molto densa e compatta, per niente umida, verde brillante.
Infine la si toglie dal mixer e la si fascia in salamini stretti dentro la carta d’argento.
Altrimenti si può mettere in un contenitore  di plastica o di vetro con tappo a ottima chiusura, pigiando bene per togliere ogni bolla d’aria.
Nel frigo normale il pesto secco dura sempre verde brillante (perché è l’olio che lo fa annerire) anche più di 10 giorni. Nel freezer ovviamente dura anche più di sei mesi.
Quando lo si vuole usare, si prende la quantità desiderata, la si mette in una ciotola e – mescolando bene nella zuppiera dove si metterà la pastasciutta – la si diluisce con olio e magari un goccino di latte (se non si ha a disposizione la prescinseua), oltre il solito goccino d’acqua calda della pasta, nella quale bisognerà ricordarsi di mettere non molto sale, visto che il pesto secco è già salato di suo.
Se si vuole aggiungere al minestrone, basta prenderne uno o due cucchiai, e sciogliercelo direttamente dentro subito prima di servirlo.

Sua Maestà il Minestrone Genovese (anche fritto)


(foto©)

E’ un classico della cucina ligure, antico e conosciuto da tutti come una leggenda o una poesia popolare.

Come racconta il compianto Franco Accame “c’è un piatto che difficilmente si direbbe associabile alla vita di bordo poiché decisamente terrestre, ma che è diventato a bordo ospite graditissimo grazie al favore dei marinai, che lo hanno fatto conoscere ovunque. Se il nostro minestrone ha fatto il giro del mondo lo si deve infatti principalmente al canale marittimo.”

E questo, come vi accennavo, è tutto merito dei catrài, gli osti barcaioli che sino all’inizio del XIX secolo, nel porto di Genova giravano da veliero a veliero a bordo di piccole chiatte o grossi gozzi.

Sul bordo dei gozzi stavano allineate le xiatte, i piatti fondi, e nel centro un gran pentolone pieno di menestrùn fumante che veniva venduto alla gente di bordo: unica occasione che questa aveva di mangiare verdure fresche.

Il minestrone più buono è quello cotto sulla cucina economica dentro quella pentola che s’incastra nel buco a stretto contatto con la legna che brucia: sa leggermente di affumicato, ha un sapore antico.

Le verdure usate variano di stagione in stangione, e non esiste una ricetta precisa. Qui ciascuna famiglia ha da sempre il suo monestrone, dal gusto speciale.

Come pasta, quella che preferite tra brichetti, ditaloni, ditalini, spaghetti rotti o riso.

Se ne dovrebbero mangiare più fondine, perché fa da piatto unico; è meraviglioso freddo (no gelato) d’estate, ottimo bollente d’inverno.

Ma l’importante è che profumi sempre di pesto.

Un pesto particolare però: è preferibile senza formaggio (perché rischia di attaccarsi) e senza i pinoli, perché con il calore si irrancidiscono e guastano un poco il sapore.

Questa è la mia ricetta per 4 persone (avviso subito che mi piace molto spesso):

Mezzo kg. di patate
2 etti di fagiolini
3 etti di borlotti
2 pomodori perini maturi
1 carota piccola
1 cipolla piccola
3 zucchini (se hanno il fiore, metto anche quelli)
2 coste di sedano
4 foglie di bietola
1 pezzo di cavolo cappuccio
1 mazzo di basilico
1 spicchio d’aglio
olio
sale
pepe
50/60 grammi di pasta a testa (prediligo i ditaloni)

Aspettando che l’acqua (un litro, l’ho detto che mi piace spesso) bolla (quando lo cucino nella pentola di coccio aspetto; se ho fretta, uso la pentola a pressione perché sono una cuoca perennemente al galòp ;-) pulisco tutte le verdure tagliandole a pezzetti e preparo il pesto di basilico,  aglio, olio e sale mettendolo in una tazza.

Butto nell’acqua le verdure e faccio cuocere un paio d’ore scarse (nella pentola a pressione 3/4 d’ora abbondanti dal fischio).

In una pentola a parte cuocio al dente i ditaloni in acqua salata, li scolo bene, li metto in una ciotola in paziente attesa e li irroro con un filo d’olio per non farli attaccare (li cuocio a parte perché non amo la pasta troppo scotta, come spesso accade di trovare nei minestroni).

Una volta cotta la verdura, unisco la pasta, il pesto, mescolo accuratamente per qualche secondo, spengo il fuoco e servo immediatamente a tavola se lo voglio caldo.
Se invece lo voglio gustare freddo, aspetto che le verdure si intiepidiscano molto e solo allora unisco pasta e pesto.

Ciascun commensale poi condirà il suo piatto con un filo d’olio, una spruzzata di pepe e parmigiano grattugiato.

Se ne avanza, ed è quello bello spesso che dico io, allora si potrà fare il Minestrone fritto, un piatto che oggi non ricorda quasi più nessuno e che vi racconto con le parole di Vito Elio Petrucci:

“E’ la ricetta più semplice del mondo, ma la più dimenticata. Quando una massaia di ieri doveva fare il minestrone, tirava fuori a pignatta co-i quattro mucci, quelle vecchie pentole di terra panciute con le quattro maniglie, che la fantasia popolare ha chiamato mucci (il “muccio” in genovese è la crocchia dei capelli, NdR). La regola era farne tanto, che ne avanzasse anche per la sera. Quando è bello freddo, sodo, compatto, che regge in piedi il cucchiaio, allora lo si può tagliare a pezzetti e friggerlo in padella, con pochissimo olio. Recupera il calore, moltiplica il gusto e la piccola crosta, quasi una bruciatura, aggiunge un brivido d’amaro”

©  Mitì Vigliero

Ricetta degli Gnocchi della Nonna di Gaia Fatti da Gaia

pronto a tavola

Gaia aka Copiascolla (che un bel giorno si deciderà di riaprire il suo blog), ospite da noi per il week end, ieri a pranzo ci ha preparato gli gnocchi.
Dei favolosi gnocchi.
La ricetta è quella che ha imparato da sua Nonna.
L’evento è stato immortalato da
Enrico e Fabio
La ricetta qui sotto l’ha scritta lei.
Miei solo i commentini tra parentesi, e il pesto.

Ingredienti per 4 persone
2 patate “da gnocchi” a testa
500 gr. di farina

Predisponete sul tavolo della cucina 500 grammi di farina di tipo 00 in una ciotola, un tagliere di legno bello grande (fondamentale quando non si possieda un tavolo da cucina adatto a impastare), un coltello a lama liscia, una grattugia e un canovaccio.

Prendete 8 patate a pasta gialla, lavatele sotto l’acqua corrente e strofinatele con l’apposito guanto (non c’era) o con uno spazzolino (questo sì c’era) per eliminare i residui di terra: le patate vanno lessate con la buccia (come dice Fabio), per evitare che assorbano troppa acqua .

Mettete le patate in una pentola a pressione con tre dita d’acqua (oppure in una pentola qualsiasi immerse in acqua abbondante), aggiungete una presa di sale grosso e fate cuocere per circa 20 minuti (nel frattempo vi prendete un caffè e chiacchierate di quel che più vi aggrada).

Togliete dal fuoco e svuotate l’acqua. E’ assolutamente vietato raffreddare le patate sotto l’acqua fredda. La buccia delle patate viene via facilmente sollevandola con le dita: eventualmente per non ustionarsi i polpastrelli (in ogni caso Gaia ha le ditina di amianto, posso testimoniare), ci si può aiutare con un coltellino e una forchetta.

Spargete un po’ di farina sul tagliere, schiacciate le patate con uno schiacciapatate (portato prudentemente da casa vostra, ché Placida non riusciva a trovare il suo) e incorporate metà della farina.

Lavorate l’impasto ancora caldo e aggiungete farina finché lo gnocco assume una consistenza compatta. Se è una giornata umida (ieri a Genova a mezzogiorno c’era il 74% di umidità), l’impasto resterà morbido: non cedete alla tentazione di aggiungere più farina del necessario, altrimenti gli gnocchi verranno troppo duri. Per addensare l’impasto qualcuno (la nonna di Enrico) aggiunge un rosso d’uovo: ho provato una sola volta e ho dovuto buttare via tutto, quindi non fatelo (se proprio vuole l’uovo, la prossima volta gli gnocchi li farà lù, néh?).

Ottenuto un impasto compatto, mettetelo da parte sul tagliere e andate a lavarvi le mani per eliminare i residui di impasto, asciugatele perfettamente e immergetele nella farina per togliere bene l’umidità (che in questa città ce n’è già abbasanza di suo, visto che alle 12,30 eravamo saliti all’80%).

Spargete il tagliere di farina, staccate una porzione di impasto grossa come una pallina da tennis e lavoratela con i palmi della mani fino a ottenere un lungo grissino (esiste un verbo che indichi questo movimento delle mani ? grissinare?) di circa 2 cm di diametro.

GRISSINARE

Tagliate la pasta con il coltello a intervalli regolari di qualche centimetro, per ottenere porzioni (più o meno) tutte uguali.

TAGLIARE 1

Perché gli gnocchi cuociano perfettamente e prendano bene il sugo, prendete ogni tocchetto e strofinatelo sul retro della grattugia (portata anche questa prudentemente da casa:  la placida grattugia ha tenuto il muso per tutta la giornata), esercitando una leggera pressione con una o due dita, in modo che si arrotoli su se stesso, rimanendo concavo all’interno e zigrinato all’esterno.

la cuoca allopera

Disponete ordinatamente gli gnocchi su un canovaccio (due canovacci, ne son venuti una valanga) e cospargeteli con un velo di farina, setacciandola con un colino (quelli piccoli da tè son perfetti).

Portate a ebollizione un pentolone d’acqua salata e versate gli gnocchi tutti in una volta, prendendo il canovaccio per gli angoli, stando molto attenti a non scottarvi con gli schizzi d’acqua.

La tecnica di mia nonna è quella di immergere nell’acqua anche il canovaccio, lasciar scivolare gli gnocchi, recuperare il canovaccio intriso di acqua bollente e lanciarlo sul lavello cacciando un urlo. Voi non fatelo. (Infatti, quando Gaia mi ha porto i due canovacci vuoti di gnocchi ma grondanti acqua rovente, li ho lanciati sul lavello soffrendo in silenzio perché son placida)

In pochi minuti gli gnocchi affioreranno: acchiappateli con una schiumarola (ovvero un mestolo bucherellato) e disponeteli in una terrina, in cui avrete precedentemente versato un letto di sugo (di pomodoro, carne o pesto a piacere).

Mescolate delicatamente e portate in tavola.

Gaia Copiascolla

il pranzo e servito