Scuse Storiche

–  “Non è colpa mia: è stata lei” (Adamo)

–  “Non è colpa mia: è stato quel viscido verme” (Eva)

–  “Non è colpa mia: è la mia natura” (Il Serpente)

–  “Mamma e papà volevano bene solo a lui” (Caino)

–  “Darei qualunque cosa per un piatto di lenticchie” (Esaù)

–  “Volevo solo dare un’ultima occhiata” (La moglie di Lot)

–  “Non ho mai potuto soffrire i capelloni” (Dalila)

–  “Non so che farci, ma i bambini mi fanno saltare i nervi” (Erode)

–  “Io me ne sono solo lavato le mani” (Ponzio Pilato)

–  “Mica è colpa mia se ho un punto debole” (Achille)

–  “Volevo solo vedere cosa c’era dentro” (Pandora)

–  “Non c’è gusto a volare basso” (Icaro)

–  “Avevo freddo” (Nerone)

–  “Ho scelto l’aspide perché non ho trovato un bravo rinoplasta” (Cleopatra)

–  “Ci avrei giurato tanto da mettere la mano sul fuoco” (Muzio Scevola)

–  “Odio il disordine, e lei seminava fazzoletti ovunque” (Otello)

–  “Non volevo grane” (Celestino V)

–  “Dovevano esser le Indie? Mai avuto il senso dell’orientamento” (Cristoforo Colombo)

©Mitì Vigliero

Altre?

Skip:

– l dado è tratto, è colpa del vizio del gioco (Cesare)

– La donna è mobile, è colpa del trasloco (Duca di Mantova nel Rigoletto)

– Il fine giustifica i mezzi , è colpa delle ferrovie (Machiavelli)

– Meglio un’oca del Campidoglio oggi che i Galli domani (Marco Manlio)