Perché si crede che il Gatto Nero porti sfortuna, mentre è vero l’esatto contrario


(foto ©Fabs, io e Luna)

La superstizione del gatto nero = porta jella nasce nel Medioevo, periodo triste in cui si dava la caccia alle streghe.

Il gatto è l’unico animale domestico che esce di notte come le streghe, diceva il popolino; nero poi era il colore dell’Inferno, del Lutto e del Diavolo: ergo il gatto nero era un demone portatore di morte al servizio delle streghe.

Si dice che porti male se attraversa la strada; questo solo perché , sempre in quell’epoca buia, quando si andava a cavallo e le strade di notte non erano illuminate, un gatto nero che schizzasse di colpo di fronte a un equino poteva spaventarlo e quindi farlo disarcionare il cavaliere.

Ma gli antichi greci e gli egiziani vedevano nel gatto nero la perfezione assoluta ed era considerato una rarità preziosa.

Non solo; in Francia e Inghilterra un gattino nero in miniatura, come statuina o ciondolo, è considerato un portafortuna potentissimo.

E in tutta l’Europa civile da sempre si crede ormai che possedere un gatto nero voglia dire mettersi la fortuna in casa.

© Mitì Vigliero