La Paura: Proverbi e Modi di Dire

La paura fa novanta” se si gioca al lotto, ma in modo figurato vuol dire che quando siamo spaventati facciamo o diciamo cose che ci sembrerebbero impensabili in situazioni normali; esistono persone che hanno “paura della propria ombra”, cosa che, più che a noi bipedi raziocinanti, dovrebbe essere più adatta ai cavalli ombrosi come Bucefalo, che fu domato da Alessandro il Macedone solo perché fu l’unico a capirne la paura.

Spesso “la paura non vien da fuori ma da dentro di noi”, come dicono i danesi; a volte è innata, come nel Don Abbondio di manzoniana memoria: “il coraggio uno non se lo può dare”.

A volte invece invece  è un’esperienza passata a scatenare il timore: “gatto scottato con l’acqua calda teme pure quella fredda” e ciò può esser umano e comprensibile; però bisogna sempre ricordare che “la paura è un cattivo interprete” (Francia),  può condurre anche a visioni errate dei fatti -“chi è inciampato nelle serpi ha paura delle lucertole” (Germania)- o a travisare la realtà “chi ha paura piglia la gatta per un lupo” (Polonia).

E dato che “cane pauroso abbaia più degli altri” (Gran Bretagna) può accadere che l’eccessivo timore spinga a “saltar nel fuoco per paura del fumo” (Austria), a “gettar le coperte per paura delle pulci” (Russia):  si tramuti insomma in stupido allarmismo collettivo.


(©Stuant63)

Ma è anche fuor di ogni dubbio che oggi viviamo in un periodo decisamente “da far paura”; si ha un bel dire “male non fare, paura non avere”: accadono cose paurose ogni giorno, anche a chi proprio non fa male a nessuno.

Perciò si ha “paura persino dell’aria respirata”, perché si capta ovunque un’atmosfera di ansia, violenza e insicurezza.

Un eccesso di prudenza in certi casi male non fa, “meglio aver paura che il danno” (Spagna), poiché  “nulla è più da temere che il timore”, perché  a lungo andare la paura toglie il sonno e la pace” (Germania).

La paura “ode con mille occhi e vede con mille orecchie” (Sudan): le immagini e le parole terrorizzanti che quotidianamente i media ci porgono, spesso fanno venir voglia di barricarsi in casa.

Però è anche certo – e ne abbiamo purtroppo fior di esempi- che “nessun muro protegge dalla paura” (Portogallo); essa s’insinua sottile nei nostri gesti più normali,  crea ansia, perché “la paura è fatta di niente” (Arabia) ma c’è, è lì.

Infine è da millenni noto in ogni saggezza popolare che “la paura non ha legge, “ la paura non ha vergogna”, “non ha onore”, “non ha virtù alcuna”,  se non quella sciacallesca di chi approfitta delle paure altrui, magari fomentandole: ed è per questo che, da sempre, “la paura genera l’odio”.

© Mitì Vigliero

Voi che paure avevate da bambini?

Cosa c’è laggiù?

 

cosa-ce-laggiu-2

 

Radiowaves: Un altro tunnel, appena più illuminato.

Mimosafiorita: C’è un mare turchese che toglie il fiato, io stò prendendo la rincorsa per tuffarmici dentro.

Roger: un mondo migliore. con…
…una casetta piccola così,
con tante finestrelle colorate,
e una donnina piccola così,
con due occhi grandi per guardare,
e c’è un omino piccolo così,
che torna sempre tardi da lavorare,
e ha un cappello piccolo così,
con dentro un sogno da realizzare,
e più ci pensa più non sa aspettare….
magari….stando bene ATTENTI AL LUPO

ZiaPaperina: Un’autostrada incasinatissima e trafficatissima piena di italiani che si spareranno un mese filato di mare o di monti alla faccia della crisi.

MaxG: La casa dei miei sogni

Scrittoingrassetto: Non lo so, ho troppa paura per andarci :)

xlthlx: La casa nuova e un nuovo lavoro, data approssimativa: l’anno prossimo :)

Guido: Qualcuno che si domanda cosa c’è quassù.

Fatacarabina: c’è mio padre, che sta bene di nuovo.

AndreA: Una mega Villa, con una bellissima festa e tanta gente …Ah…non è nel Nord Sardegna eh!!! :-D

Peppermind: Qualcosa che è meglio non sapere… vaso di pandora style… Rimango qui nel folto della macchia, va avanti tu :P

Alebino: chiamatemi romantico ma io vedo il grande ammmmore!

Marina: Il castello di Chambord che sta proprio in una radura in fondo ad un bosco. Una meraviglia assoluta.

Regi: Non lo so, prima bisogna arrivarci tutti interi, laggiù

Skip: Un grande prato , pieno di fiori e anche un laghetto..L’ideale per lucertolare al sole

Graziella: Anch’io penso ci siano le persone e le cose perdute. E quella luce mi attrae…

Sancla: il mistero utile per sognare, e per questo preferisco che rimanga tale

Rosy: “…un nido semplice
come sogna il tuo cuor
Vieni c’è una strada nel bosco

Baol: Un bel cartello con il nome del posto completamente all’opposto di quello dove siamo diretti :D