Per il mio Giorno Onomastico: 15 ottobre Santa Teresa

15 ottobre, Santa Mitì.

Essì lo so che non tutti lo sanno, ma io mi chiamo Teresa.

Anzi: Maria Teresa.

Per l’esattezza Maria Teresa Bianca Agata Anita

Ai neonati si usava mettere tutti i nomi di famiglia; nel mio caso nonna paterna (Teresa, anzi, Teresita), zia (Bianca), nonna materna (Agata), altra zia (Anita)…E non contenti si aggiungeva un Maria, così, per omaggio.

Capite ora perché tutti mi chiamano, da quando son nata, sempre solo e semplicemente con le iniziali del primo nome, MiTì?
Per fare prima ;-)

Ma festeggio sempre volentierissimo il mio giorno onomastico, perché Teresa ha un bel significato: deriva dal verbo greco therào, “cacciare“, col significato di “cacciatrice, domatrice“, metaforizzato in seguito  – tramite l’antico tedesco theresia – nel significato di “donna amabile e forte“.

E poi perché Santa Teresa d’Avila era una donna che mi è sempre piaciuta.

Pensate che ne Il Libro della mia Vita nel 1565 scriveva fiera:

Vedo però profilarsi dei tempi in cui non ci sarà più ragione di sottovalutare animi virtuosi e forti, per il solo fatto che appartengono a delle donne

Mentre del leggere diceva:

Se mi avessero vietato l’aiuto del libro, credo che mi sarebbe stato impossibile durare diciotto anni in questo travaglio e in questa aridità, per incapacità, come dico io, di ragionare”

Sono stata fortunata, quindi.

Avrei potuto avere come nome quello di una tipa magari piagnona e cupa; oppure di una gattamorta, tutta gnegnè…
Insomma, caratteri a me di certo non congeniali.

E invece mi è andata bene (grazie Mamma).

© Mitì Vigliero