9 Anni Di Placido Blog

9

Ho realizzato solo oggi che ieri era il nono compleanno di questo Placido Blog. 

Da parte mia rinnovo la promessa che vi feci quando lo aprii:

…Sappiate che questo salottino sarà sempre uno spazio tranquillo per riflettere, imparare, scambiare idee, cultura, saperi, ricordi, tirare il fiato, sfogarsi, rilassarsi, sorridere in piena tranquillità.
Un mazzo di fiori sempre freschi sulla tavola, morbide poltrone foderate di stoffa allegra, divani, tappeti, pouf, un grande camino da accendere quando è il caso, una cucina una ghiacciaia e una dispensa piene di cose buone da bere e da mangiare: gli amici qui sono sempre i benvenuti, ogni giorno è buono per fare una piccola festa.
Serenità, ecco.
Vorrei, voglio donarvi, e ricevere, serenità.
Qui dentro non entreranno mai né isterici strilli, né gratuita volgarità, né acida cattiveria, né stupida superbia, né ambiziosi sgomitamenti, né beceri esibizionismi, né invidie e gelosie, né melliflua malafede, né ferocia da branco, né sterili o faziose polemiche.
Solo Affetto, Allegria, Quiete e Serenità.
Lo prometto.

brindo-a-voi-300x294

E quindi brindo a voi, Tesorimiei cari, senza i quali Placida Signora non avrebbe ragione di esistere!

Vi voglio un mare di bene

Mitì

Una Delle Sacre Rappresentazioni Più Famose: Il Calvario Di Grassina

grassina

(foto Seetuscany)

Grassina, frazione di Bagno a Ripoli (FI), sino all’inizio del ‘900 era conosciuta come il paese delle lavandaie; posto vicino a due torrenti , il Grassina e l’Ema, dotato di un’esposizione estremamente solatia, il paese riceveva centinaia di capi di biancheria “grossa” (lenzuola, tovaglie, asciugamani) dalle famiglie nobili fiorentine, da quelle piemontesi dell’epoca di Firenze capitale, da albergatori, caserme, collegi.
Sua caratteristica era il paesaggio dagli ampi prati coperti di candido bucato steso al sole; qui un video documentario dedicato all’ “ultimo lavandaio” e ai suoi ricordi 

grassina antica

Ma Grassina è celebre anche per aver dato vita a una delle Sacre Rappresentazioni più famose d’Italia: la Rievocazione storica della Passione di Cristo.

L’uso di processioni nel periodo della Settimana Santa iniziò in Europa nel secolo XVII, travagliato da carestie, alluvioni, guerre ed epidemie: la sofferenza delle popolazioni veniva in tal modo accomunata, in una sorta di transfert, a quella del Cristo durante la sua Passione.

In tutta Italia in questi giorni si svolgono manifestazioni del genere; ma quella di Grassina è indubbiamente la più imponente.

La prima rappresentazione risale al 1634: in tutta la zona imperversava la peste nera, ma gli unici luoghi che rimasero miracolosamente indenni furono Bagno di Ripoli e Grassina; così gli abitanti – fra fiaccole, cori e un carro pieno di bimbi vestiti da angioletti – si recarono in processione di ringraziamento sulla collina che domina il paese.

1Grassina

Negli anni successivi il corteo si tramutò in una Via Crucis sempre più scenografica, alla quale vennero aggiunti figuranti in costume.
Nel 1930 la “Rappresentazione del Gesù morto” era già conosciuta anche fuori dai confini, attirando sin da allora numerosi turisti; e dopo due lunghe interruzioni dovute la prima, nel 1940 – alla guerra e la seconda all’alluvione del 1966 che massacrò tutta la zona fiorentina, negli anni ‘80 la rievocazione storica rinacque in modo decisamente grandioso.

2grassina

Dalle 21,30 dei Venerdì Santo più di 400 figuranti in costume attraversano il centro del paese gremito da spettatori formando un solenne Corteo Storico che si unisce – nel grande prato posto di fronte alla collina del Calvario – ad altri 80 personaggi che daranno vita alle scene rappresentati l’ultimo periodo della vita di Cristo: L’ultima Cena, Gesù nell’orto degli ulivi, Gli Apostoli addormentati, L’arrivo dei soldati, Il bacio di Giuda, La cattura di Gesù, Gesù nel Sinedrio, Il Processo, Barabba, Pilato che si lava le mani, La condanna.
Dopo questa inizia la processione che  mestamente segue il Cristo che porta la Croce e cade tre volte. Poi l’incontro con le Pie Donne e la lenta ascesa al Calvario sul quale sono piantate le tre Croci alle quali verranno legati Gesù e i due ladroni, nell’ultima drammatica scena della Crocifissione.  

Littori, centurioni, soldati a cavallo e non, Pilato, Erode, paggi, donne romane, apostoli, cortigiani, Caifa, sacerdoti, Giuda, Veronica, Maddalena, Madonna e pie donne, Barabba, i ladroni e ovviamente Gesù si muovono e recitano nell’oscurità della notte illuminata da sapienti giochi d’illuminazione teatrale; i dialoghi sono tratti liberamente dai Vangeli di Luca, Giovanni, Matteo, e nell’aria si diffondono commoventi musiche di Haendel, Grieg, Stravinskij, Dvorac, Bach, Verdi, Wagner

Uno spettacolo altamente suggestivo e ormai famoso in tutto il mondo, che non ha nulla da invidiare alle rappresentazioni teatrali allestite dai più grandi registi.

Una curiosità: per contrappasso dissacratorio fu proprio un grande regista, Mario Monicelli,  a utilizzare nel 1982 questa manifestazione per una delle scene più esilaranti e  “feroci” di “Amici miei atto II”.

© Mitì Vigliero 

La Leggenda dei Giorni Della Vecchia e I dé d’la Canucéra Ovvero: La Coda Dell’Inverno

I GIORNI DELLA VECCHIA

(©Lisa Knechtel)

Marzo è mese dedicato a Marte, divinità dall’umore instabile ed irascibile e non a caso, visto che era il Dio della guerra.

Il suo brutto carattere venne riconosciuto dagli umani sin dall’antichità, soprattutto dal punto di vista meteorologico; pur mostrando netti segni di fine inverno con fiori e germogli, giornate calde, uccellini intenti alla fabbricazione del nido e risveglio della Natura in genere, l’esperienza contadina sa che di lui occorre sempre diffidare perché, come dice il proverbio, “Al principio, a metà o alla fine, sempre Marzo versa il suo veleno” con freddi improvvisi e dannosi che solitamente vengono definiti dai meteorologi “coda dell’Inverno

Un’antica leggenda  racconta che Marzo, tanti e tanti anni fa, aveva solo 28 giorni.
Ma visto che gli uomini lo prendevano sottogamba, non temendolo certamente come i suoi rigidi fratelli Dicembre, Gennaio e Febbraio, decise di vendicarsi allora (e ancora lo fa, anche se non rispetta perfettamente i tempi).

La colpa fu tutta di una vecchia pastora che per tutto il mese, con grande fatica, era riuscita a proteggere i suoi agnellini dai repentini sbalzi climatici marzolini; questa, la sera del 28 esclamò in tono sfottente “E ora con la tua fine la pianterai di fare il matto, oh Marzo bislacco!”.

Fu così che il mese, atrocemente offeso, chiese in prestito ad Aprile tre giorni in cui scatenare tutta la sua cattiveria con gelo, neve e vento. 

E in quei tre giorni morirono per il freddo improvviso non solo gli agnellini della Vecchia e degli altri pastori, ma anche tutte le erbe e i germogli già spuntati nei prati stecchirono sotto la neve inaspettatamente caduta.

E ghiacciarono i petali dei fiori degli alberi da frutto; e il vento e la pioggia spazzarono via i piccoli nidi in costruzione e la Vecchia stessa, che imprudentemente aveva smesso gli abiti pesanti, si prese un accidente e defunse di polmonite.

Così Marzo, dopo tanta distruzione, poté finalmente andarsene soddisfatto e gli ultimi suoi 3 giorni furono chiamati, da allora, i Giorni della Vecchia.

Bernardo_Strozzi_Le_tre_Parche

Nel riminese invece si chiamano “I dé (giorni) d’la Canucéra”, dotati di un’ora misteriosa e da nessuno conosciuta in cui qualunque cosa si fosse fatta sarebbe andata a mal fine.

Per questo i contadini in quei giorni evitavano ogni attività nei campi, i pescatori di pescare, le partorienti (umane o animali) di partorire; difatti in Romagna, per definire qualcuno un po’ tonto, sfortunato o caratterialmente bizzarro, gli anziani ancora dicono “ ‘L’é nasù e dé (è nato nei giorni) d’la canucéra”.

Pare che il nome derivasse dalla conocchia (canucéra, appunto) simboleggiante le tre Parche, riferendosi precisamente ad Atropo, colei che di punto in bianco tagliava il filo dell’esistenze altrui.

E visto che da sempre i romagnoli consideravano marzo mese generalmente infausto per l’agricoltura, tentavano pure d’ingraziarselo con canzoni beneauguranti o con i “lom a mèrz“, i lumi di marzo, piccoli falò accesi sulle colline e nei campi in quelle tre notti, qualunque condizione atmosferica vi fosse, per indicare la retta via a Proserpina, dea della Primavera, che proprio in quei giorni usciva dalle tenebre dell’Ade per ritornare sulla Terra a fecondarla.

© Mitì Vigliero