Antiche Estati Genovesi 1: Quando S’Andava In Villa

(Antonio Schiaffino)

La signora Giggia, moglie di Steva nella commedia I maneggi per maritare una figlia, volteggiando affannata in mezzo ai bagagli ingombranti il salotto Luigi Filippo, annunciava in tono superbo “Oggi noi si va in villa”.
E Steva-Govi ribatteva “Villa! Bisogna vedere che roba. Ragni, mosche e sinsae . Cosa c’è di zanzare! Dice che è l’acqua. L’anno passato siamo stati quindici giorni senz’acqua, andavamo a prenderla in un paese vicino: l’aegua a no gh’ea, ma e sinsae scì. Erano lì che aspettavano l’acqua.”

La “villa”, per i genovesi di allora, era la casa color pastello polveroso, spesso arricchita d’una torretta, sita nell’entroterra e circondata da un terreno più o meno vasto; che fosse la grande tenuta d’antica proprietà familiare, la palazzina presa in affitto o semplicemente la fattoria della vecchia balia non importava: dopo luglio, “mese dei bagni“, quasi tutte le famiglie si trasferivano da Genova in campagna.

(Montoggio)

E “campagna” allora era ovunque. A Novi, Serravalle, Busalla andava di solito la grande borghesia industriale; tra Masone e Ovada si sistemavano le famiglie di avvocati, medici e docenti universitari; Voltaggio, Mignanego, Savignone e Sarisola erano le mete preferite dai commercianti. Ma anche Sant’Olcese, Crocefieschi, Montoggio, Bargagli, Torriglia, Fontanigorda, Gorreto erano affollatissime, così come la zona del Righi e le valli di Staglieno e Molassana. Persino Marassi e Quezzi, pare incredibile, erano veri gioielli di verde, pieni di ville borghesi ma anche di palazzi nobiliari circondati da parchi e il Fereggiano scorreva limpido e vivace in una Valletta bellissima, creando un paesaggio bucolico-alpestre da cartolina.


(Pieve di Sori)

I genovesi raggiungevano la campagna con treni, vetture, tramvaietti, omnibus, carrozze e carri.
Orlando Grosso, raffinato giornalista che scriveva sulla “Gazzetta di Genova” all’inizio del Novecento, raccontava: “S’incontrano muli che portano bauli sul basto e buoi che trainano, per sassose salite, slitte cariche di masserizie, perché l’andare in campagna assume spesso l’aspetto di un mezzo trasloco. Sui cumuli di cesti, di involti, di bauli, si trovano canarini in gabbia e gatti che miagolano entro cestini: un vero esodo familiare”.


(Sassello)

La prima settimana trascorsa in villa era iperattiva; le padrone di casa, assoldate le donne del luogo, si lanciavano  frenetiche a  spazzar via ragnatele e polveri ammassate durante l’inverno. Una volta che tutto era pulito e ordinato, la vita piombava in una tranquillità un po’ assonnata interrotta da minimi avvenimenti: visite di amici arrivati dalla città alla ricerca di un po’ di frescura; chiacchiere fatte all’ombra dei pergolati di fronte ad un bicchiere di sciroppo d’amarena; interminabili partite a bocce, alla morra, a volano.
E piccole feste accompagnate dal suono di una fisarmonica, pranzi e cene scandite dal rintocco delle campane di mezzogiorno e dell’Ave Maria; raccolta di frutta con conseguenti confezioni di marmellate e liquorini casalinghi in quantità industriale, oltre beati, interminabili ozi in giardino.

(Scoffera)

Da notare che in villa stavano fisse le donne e i bambini; i mariti-padri restavano in città a lavorare, perché un mese di ferie allora era considerato una follia: era credo comune che solo i maschi malaticci e fannulloni potessero permettersi più di quattro giorni di vacanza filati… Così ogni sabato sera, per ripartire la domenica, i sani e ligi lavoratori raggiungevano le loro tribù familiari con quelli che venivano scherzosamente chiamati “i treni dei mariti”.
Gli scompartimenti di tutte e tre le classi brulicavano di uomini soli, appartenenti ad ogni ceto sociale, ma tutti indistintamente carichi di pacchi contenenti le mille cose che le loro gentili consorti avevano ordinato: “Ricordati di portarmi del filo di seta azzurro e dei guanti di cotone, e già che ci sei della liscivia, che qui costa troppo, sai che il negozio ne approfitta perché è l’unico; e poi compra degli acquerelli per tua figlia, li ha finiti, e prendi dal comò quella mia camicietta lilla, quella in seta, sì, ché l’ho dimenticata…”.

(Traso)

Il viaggio trascorreva sereno, fra chiacchiere di affari, donne, pettegolezzi, dritte di Borsa, antiquariato e commenti sul governo. Alla stazione i viaggiatori trovavano ad attenderli, schierati come plotoni, figli e mogli: e ogni volta i mariti non si sentivano solo Capofamiglia, ma Sovrani.
Mentre le donne in villa trascorrevano il tempo cucendo, lavorando al tombolo, dipingendo, pirografando, insomma trafficando perennemente come api laboriose, i signori andavano per funghi, ma soprattutto si dedicavano alla caccia.
Bardati con braghe di tela e cappellaccio di feltro guarnito da una piuma di ghiandaia, col fucile in spalla e il fido bracco al guinzaglio, setacciavano ogni prato, cespuglio, boschetto, alla ricerca di prede. E di solito tornavano a casa sudati, stravolti e col carniere vuoto, narrando alla prole di starne grosse come aquile o lepri di dimensioni elefantesche, sfuggite alla mira per colpa del vento, del cane, delle cartucce, del Padreterno in vena di dispetti…

(Giovo Ligure)

Ma in quei soggiorni antichi, in quelle vecchie ville, i nostri nonni stavano bene nonostante non vi fosse nessuna comodità moderna: niente acqua corrente o elettricità; una ghiacciaia rifornita quindicinalmente; un pozzo; dei bigonci per il bucato e il vasino nel comodino da notte, in quel famoso ghirindon dove Steva trova chiuso il suo gilet (il gibbonetto di “gassetta e pomellu”) e, dopo averlo annusato con faccia nauseata, si sente dire dall’amorevole Giggia : “E dagghe un po’ de Colonia…”.

Gilberto Govi - Gassetta e Pumello Da I Maneggi per maritare una figlia - YouTube

© Mitì Vigliero

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.
Liked by


12 Replies to “Antiche Estati Genovesi 1: Quando S’Andava In Villa”

  1. Che meravigliosa descrizione delle atmosfere di un tempo. Qualcosa mi ha ricordato le lunghe vacanze di quando ero bambina. Ora credo sia anacronistico ed impensabile quasi per tutti trascorrere lunghe vacanze fuori città. Peccato…avevano un loro fascino anche se si dovevano organizzare dei tornei a punti per sterminare mosche e zanzare!

  2. Viviana, e in ogni caso penso che saremmo noi per primi a non volerne più fare di così. Pensa a quante case di campagna nei paesini stanno andando in rovina perché i bis/tris nipoti non vogliono più andarci perché “s’annoiano”…;-*

  3. L’antica boeghesia genovese raccontata da mimi come quella Inglese raccontata da Jane Austen…che belle immagini rilassanti e ricordi di bambina

  4. Abito nell’entroterra e ricordo bene i traslochi delle famiglie genovesi, anche se erano già molto più moderni rispetto a quelli descritti da Govi. Ma è vero: le donne del paese venivano reclutate per la pulizia della casa (più che casa un intero borgo) e per la preparazione di ravioli, torte di riso e melanzane ripiene, e i loro figli come compagni di giochi per i bambini di città. Tutte le sere, alle sei, passeggiata fino al prato vicino alla torre per la partita di pallavolo; la domenica per funghi; l’ultima settimana di soggiorno festa della vendemmia.
    Oggi le case sono state (fortunatamente) ristrutturate e il borgo è stato diviso tra i vari eredi, ma i nipoti arrivano solo per le feste di Natale e Pasqua e al massimo una settimana d’estate.

  5. che bella descrizione, adoro le antiche ville di campagna genovesi, sobrie allora come certi loro inquilini… io ho la fortuna di poter rifugiarmi ogni tanto in un bosco-giardino in quel di Sassello ma in abitazione putroppo ben più recente!
    buone vacanze
    simonetta

  6. Viviamo a Quezzi dove nel primo Novecento si era formata l’Unione Villeggianti Quezzi. Siamo in possesso di buona parte dei verbali del Circolo e dai racconti degli anziani locali, un pò tutti i quezzini hanno in qualche modo ricordi in merito, emerge questa antica tradizione. L’articolo è molto bello e dipinge quanto noi tentiamo di fare con la nostra gente: il ricordo, la tradizione come motivo di identità, di consapevolezza. Ps: viviamo anche noi in una vecchia “villa”.
    http://lacadellolmo.altervista.org/pagina-156441.html

  7. Cinzia, ma che bello! siete bravissimi a continuare la tradizione; il nostro passato è la base del nostro presente e futuro, mai perdere i ricordi, sarebbe come perdere pezzetti di noi. Chissà se un giorno riuscirò a venirvi a trovare e vedere la vecchia villa….un bacio a tutti da parte mia!

  8. Pingback: Placida Signora » Blog Archive » Antiche Estati Genovesi 2: Quando S’Andava A “Prendere il Bagno”

  9. Io sono nata a Genova e vivevo a pegli, ora vivo a Torino da venti anni. Il tuo sito , cara Miti mi regala emozioni e ricordi e dona spiegazioni a usanze e tradizioni della mia infanzia. Leggere il tuo blog e’ un vero regalo che faccio a me stessa nel mio tempo libero. Grazie a te ho scoperto una opera sorprendente che non conoscevo e che mi ha colpito profondamente : il compianto di Cristo dello scultore Nicolo’ Dell’ Arca. Navigare per le tue pagine e’ un viaggio nella grazia e nella cultura . Grazie! Flavia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.