Il Cibo dei Vikinghi: vi racconto come lo Stoccafisso arrivò in Italia

 

Stoccafisso” deriva dall’antico olandese “stokvish”, composto da “stock” (bastone) e “vish” (pesce); pesce (merluzzo) duro e rigido come un bastone, quindi, essiccato all’aria aperta e gelida delle terre del Nord.
Baccalà” invece ha un’etimologia più incerta, forse deriva dal basco “bacalao”: ad ogni modo è sempre merluzzo, ma conservato sotto sale.

Sia lo stoccafisso che il baccalà, diffusissimi nelle nostre cucine regionali, contribuirono per secoli a sfamare intere generazioni, fornendo spesso lo jodio mancante a chi abitava lontano dal mare.

Ma forse non tutti sanno che lo stoccafisso giunse in Italia a causa di un naufragio.

Era il 25 aprile del 1431 quando il nobile veneziano Piero Querini salpò da Creta, allora dominio della Serenissima; voleva raggiungere le Fiandre passando lo stretto di Gibilterra, per scambiare il suo carico di 800 barili di malvasia con stoffe, lana e stagno.

Ma il 17 dicembre, al largo delle coste una terribile tempesta fece colare a picco il suo veliero; lui e la ciurma si salvarono a bordo di due scialuppe, vagando raminghi sulle onde per quasi un mese sino a quando, allo stremo delle forze, arrivarono a una terra ben poco ospitale, ventosissima e piena di ghiacci.

Erano approdati senza saperlo ben oltre il Circolo Polare e precisamente a Røst, isoletta norvegese che fa parte dell’arcipelago delle Lofoten.

Qui trascorsero circa quattro mesi, ospitati nelle case dei pescatori, persone – come scriveva il Querini, estremamente gentili e socievoli:

Questi di detti scogli sono uomini purissimi e di bello aspetto, e cosí le donne sue, e tanta è la loro semplicità che non curano di chiuder alcuna sua roba, né ancor delle donne loro hanno riguardo: e questo chiaramente comprendemmo perché nelle camere medeme dove dormivano mariti e moglie e le loro figliuole alloggiavamo ancora noi, e nel conspetto nostro nudissime si spogliavano quando volevano andar in letto; e avendo per costume di stufarsi il giovedí, si spogliavano a casa e nudissime per il trar d’un balestro andavano a trovar la stufa, mescolandosi con gl’uomini.”

Dormivano tutti insieme, marinai italiani e cretesi, pescatori norvegesi e le loro donne nudissime, ma il Querini non temeva alcuno “scandolo” poiché, come scrisse sul suo diario:

I 120 abitanti dell’isola sono tutti cattolici fedelissimi e devoti, senza alcuna lussuria, tanto è la region fredda e contraria a ogni libidine”.

E difatti alle Lofoten molti abitanti hanno tuttora tratti marcatamente mediterranei.

Piccanti pettegolezzi a parte, a noi interessa che un bel dì il nobiluomo scrisse alla Serenissima la descrizione del locale metodo di conservazione del pesce:

I stocfisi seccano al vento e al sole e perché sono di poca humidità grassa, diventano duri come legno. Quando li vogliono mangiare, li battono col roverso della mannara che li fa diventare sfilati come nervi, poi compongono butirro e spetie per dargli sapore, et è grande et inestimabile mercanzia”.

E quando, nel maggio del 1432riuscì a tornare in patria, si portò dietro un gran numero di “stocfisi” immettendoli sul mercato italiano col nome “cibo dei Vikinghi”.

Il successo fu immediato.

Lo vollero le flotte come provvista da cambusa, vista la sua sicurezza di conservazione. Lo vollero le popolazioni montane, che di pesce marino, pòrelle, ne mangiavan pochino.

Ma il vero boom si ottenne nel 1561 col Concilio di Trento e l’istituzione obbligatoria dei “giorni di magro”, quando l’Arcivescovo di Uppsala e primate di SveziaOlao Magno, mise in atto una vera e propria operazione di marketing rivolta a promuovere – per il bene dell’anima dei fedeli e dell’economia della sua patria, una delle massime esportatrici – l’uso dello stoccafisso su tutte le mense cattoliche.

© Mitì Vigliero

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.
  • 15 March 2012 at 14:23Mitì Vigliero
    #lezionidigenovese qui a genova lo stoccafisso si chiama "stocche". e da voi?
  • 15 March 2012 at 15:02Librando
    A Milano stoccafìss (e bacalà). E ora me ne è venuta voglia.
  • 15 March 2012 at 15:08Mitì Vigliero
    Librando, goloso ;-)
  • 15 March 2012 at 15:08Mitì Vigliero
    Fata, e come lo preferisci?
  • 15 March 2012 at 15:28Mitì Vigliero
    quello fatto con il latte qual è? vicentina? (non amo lo stocche, quindi son distratta con le ricette ;-)
  • 15 March 2012 at 15:30Hal 9000
    ora sognerò le nudissime figliuole norvegesi. non va bene.
  • 15 March 2012 at 15:31Mitì Vigliero
    Hal, credo che ormai si sian rivestite ;-)
  • 15 March 2012 at 15:32Mitì Vigliero
    Fata, ecco, quello è l'unico che mangio (tanto sugo, poco stocche ;-D)
  • 15 March 2012 at 15:34Hal 9000
    eh, credo anch'io. poi erano cattolici fedelissimi e devoti, senza alcuna lussuria, visto che la regione era fredda e contraria a ogni libidine. :(
  • 15 March 2012 at 15:37Bisax
    Io, in onore delle mie origini venete, l'ho sempre chiamato baccalà
  • 15 March 2012 at 15:38Aldo Oldo
    beh nonostante quest'ultima nota possiamo riconoscere tra i meriti del Querini di essere stato un anticipatore del mito delle nordiche
  • 15 March 2012 at 15:40Aldo Oldo
    Maurizio Maggiani i veneti li segna con la matita rossa http://www.feltrinellieditore.it/FattiLibriInterna?id_fatto=265
  • 15 March 2012 at 15:46Mitì Vigliero
    Aldo, e sottolinea il prezzo dello stocche. oggi è carissimo (alla faccia del cibo povero che era)
  • 15 March 2012 at 15:56Mitì Vigliero
    Bisax, e lo so. ma come fate a ordinarlo? dite baccalà secco/baccalà salato?
  • 15 March 2012 at 15:59Aldo Oldo
    sì anche a Milano son palanche e l'articolo è di 20 anni fa
  • 15 March 2012 at 17:32Mitì Vigliero
    Aldo, non avevo fatto caso alla data...bé, non è cambiato nulla da allora (investire in stocchi anziché in btp? ;-*)
  • 16 March 2012 at 09:03Bisax
    In veneto si dice baccalà e basta, non so neppure se quello sotto sale ha un nome. Io sto a Milano e mi tocca adeguarmi, nel senso che io lo chiamo baccalà e poi nove volte su cieci mi tocca precisare che voglio lo stoccafisso. In ogni caso in genere quando lo trovo lo prendo direttamente così com'è e non devo preoccuparmi di spiegare . (ora che mi ci fai pensare, ne ho uno da mettere a bagno da un paio di settimane).
  • 16 March 2012 at 09:55Stefano
    Che cos'è il baccalà? Nient'altro che una mummia commestibile. [Alfonso Hernandez Catà (1885 - 1940) scrittore cubano


3 Replies to “Il Cibo dei Vikinghi: vi racconto come lo Stoccafisso arrivò in Italia”

  1. Che deliziosa descrizione, in linea con la squisitezza del baccalà.
    Se ti capitasse di passare dalle parti di Mestree volessi gustare il baccalà cucinato in modo divino, fammelo sapere, così ti potrò consigliare il locale giusto :-)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.