“Angelo mio, scampato è ogni periglio!”: Come fu che Emerenziana scampò il convento

46577425

Alberto II conte di Gorizia, d’Istria, Carinzia e Pusteria, nel 1304 morì in quel di Lienz, pare avvelenato.

Nel castello di Gorizia vi è un quadro che ne raffigura la morte; steso esanime sulle ginocchia d’un fiduciario, la moglie gli carezza il capo.

Sull’uscio, i figli maschi e la figlia: Emerenziana.

I fratelli, per non dividere con lei l’eredità, decisero in modo democratico – come s’usava allora – di rinchiuderla in un convento di clausura a Firenze.

Un viaggio dall’Alto Adige in Toscana allora era lungo, con strade scomode e pericolose.
Così misero di scorta alla fanciulla un loro fido vassallo: il baldo cavalier Balthasar von Welsberg, alias Baldassare signore di Monguelfo.

Partirono in carrozza, seguita a cavallo da armieri e una piccola Corte composta da servitori e un sacerdote.

Era primavera ed Emerenziana, che mai aveva messo il naso fuori casa, ad ogni tappa guardava affascinata il paesaggio commentandolo col suo accompagnatore.

A Sesto la fanciulla s’incantò di fronte ai boschi di larici, in Val Pusteria s’entusiasmò per i castelli, in Val d’Adige per i pascoli fioriti. A Trento s’estasiò alla vista dei meli fioriti e al sapore dei vini bianchi, a Riva del Garda quasi svenne alla vista del lago; a Verona, vedendo l’Arena volle conoscere tutta la storia romana sino ai suoi giorni e a Mantova, dopo una breve lezione su Virgilio, ebbe una crisi d’isterico pianto.

“Ohimimì” singhiozzava “Perché veder tante bellezze, conoscer tante cose se il mio destino sarà quello d’esser seppellita per sempre in un convento?”

Baldassare, colpito dalla verve oltreché dalla beltà d’Emerenziana, iniziò a vacillare, diviso fra la fedeltà ai suoi signori e il profumo della fanciulla.

A Modena ripetè come un mantra la formula del giuramento dell’investitura, a Bologna pensò che i capelli della damigella avevano il color delle ginestre, a Pistoia si mise furiosamente a lucidar la spada che i conti gli avevan donato, a Prato incrociò lo sguardo della ragazza e alle porte di Firenze bloccò il convoglio davanti a una chiesina, vi corse dentro con Emerenziana e il sacerdote, la sposò e ordinò al convoglio il dietro front.

Fuggirono a Dobbiaco , dove chiesero ospitalità in una casa di contadini chiamati Englös; la Corte invece tornò a Lienz, dove raccontò il fattaccio ai fratelli della mancata monaca .

Questi, ovviamente imbufaliti, ordinarono la restituzione della sorella minacciando di radere al suolo Monguelfo e tutti i possedimenti di Baldassarre.

Gli sposi allora scapparono a San Candido, ottenendo asilo nell’abbazia dei benedettini: l’abate, gran diplomatico, fece in modo che i fratelli li perdonassero.
Quando Baldassarre ebbe la notizia, corse dalla sua bella urlando gioioso: “Angelo mio, scampato è ogni periglio!”

Morale.

Nel castello a Monguelfo  vi fu un grande ricevimento riappacificatore alla presenza dei cognati conti.

Emerenziana per grazia ricevuta fece erigere la chiesa di  “Maria am Rain“, che sino al 1832 sul tetto della navata mostrava intrecciati gli stemmi nobiliari di Monguelfo e Gorizia; la famiglia contadina di Dobbiaco ebbe il titolo di barone (sullo stemma un angelo), Casa Englös divenne sede gentilizia e tutti, una volta tanto, vissero felici e contenti.

© Mitì Vigliero

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.
  • 2 August 2011 at 10:06Mitì Vigliero
    Perché abbiamo bisogno di storie a lieto fine
  • 2 August 2011 at 10:06baskerville
    eh, puoi ben dirlo.
  • 2 August 2011 at 10:13Mitì Vigliero
    baskerville, già :-*
  • 2 August 2011 at 10:15Stefano
    insomma.......fecero prima il viaggio di nozze,e poi si sposarono.....
  • 2 August 2011 at 10:18Librando
    "A Modena ripetè come un mantra la formula del giuramento dell’investitura, a Bologna pensò che i capelli della damigella avevano il color delle ginestre, a Pistoia si mise furiosamente a lucidar la spada che i conti gli avevan donato..." Questa sequenza in crescendo è magnifica :D
  • 2 August 2011 at 10:22Mitì Vigliero
    Stefano, più o meno, sì ;-)
  • 2 August 2011 at 10:23Mitì Vigliero
    Librando, è tutto un crescendo quando trionfa l'ammòrre! ;-D


7 Replies to ““Angelo mio, scampato è ogni periglio!”: Come fu che Emerenziana scampò il convento”

  1. Davvero, che bella storia, non la conoscevo…grazie per averla raccontata!
    Una donna grandiosa questa Emerenziana, decisamente sapeva come fare gli occhi dolci…

  2. Ma che bella! E’ anche perchè tu racconti così bene! E poi evviva l’amore-

  3. Bella la storia e ancor più bella la narrazione, soprattutto del crescente entusiasmo di Emerenziana e di Baldassare.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.