Le più Strane Fontane Romane

 

Roma, si sa, pullula di fontane; fra queste però alcune sono poco conosciute e decisamente curiose.

In piazza della Chiesa Nuova, ad esempio, si trova la Fontana della Terrina, progettata nel 1581 dal Della Porta.
In origine era solo una conca di marmo, ma poiché stava vicino al mercato rionale veniva usata dai fruttaroli per tenerci al fresco la merce e da altri per gettarvi monnezza varia; fu così che papa Gregorio XV ordinò che venisse costruito un coperchio in travertino atto a chiuderla, dandole decisamente la forma di una zuppiera da tavola (la terrina, appunto).

Opera dell’architetto Pietro Lombardi, che aveva ricevuto (dal 1926 al ’27) dal Comune l’incarico di creare delle fontane che ricordassero mestieri e oggetti rappresentati i vari quartieri romani, è invece la piccola Fontana degli Artisti di via Margutta, zona considerata una sorta di MontMartre; una piramide di cavalletti, sgabelli, tavolozze, maschere, compassi dai quali esce l’acqua, con in cima un secchio pieno di pennelli e scalpelli da scultore.

Sempre di Lombardi è la Fontana dei Libri, in via degli Staderari; dentro una nicchia, 4 libri antichi, due per lato, che ricordano la vicina Università della Sapienza: l’acqua sgorga da due cannelle a forma di nastro segnalibro.

Sprizza alacrità la Fontana delle Attività Lavorative, in Piazza delle 5 Giornate.
Appoggiata al palazzo dell’Inail, che la commissionò nel 1940 allo scultoreFrancesco Coccia, è una vasca rettangolare sormontata da un bassorilievo che ha al centro una solenne figura femminile (simbolo della protezione dell’Inail sui lavoratori) con intorno i lavoratori stessi; muratore, fabbro, balia, contadino, maestro d’ascia ecc.

In piazza Trevi, sul lato destro della fontana più nota, si trova la Fontanina degli Innamorati, graziosa vaschetta progettata nel 1761 da Nicola Salvi, caratterizzata da due getti d’acqua incrociati.
Si dice che i fidanzati che vi bevano insieme rimarranno fedeli per tutta la vita; meglio però non fare la prova, perché pare che l’acqua sua e della Fontana di Trevi non sia più potabile…

Chissà com’era invece l’antica Fontana del Lupo che oggi non esiste più; però è rimasta (nell’atrio del palazzo Valdina Cremona in via dei Prefetti) la lapide che nel 1578 la sovrastava e che recita:
Come la lupa mansueta diede il latte ai gemelli, così il lupo fattosi mite qui ti dà l’acqua che scorre perenne ed è più dolce del latte, più pura dell’ambra e più fredda della neve.
Perciò da qui la portino a casa nell’anfora ben pulita i bimbi, i ragazzi e le donne anziane.
È proibito bere a questa fontanella ai cavalli e agli asini, e neppure il cane e la capra vi bevano con il loro lurido muso

E chissà se le bestie citate ubbidivano…

Infine in Via Lata si trova la cinquecentesca Fontanella del Facchino, prediletta da Pasquino come “statua parlante” su cui appiccicare versi satirici.
Pare raffiguri Abbondio Rizio, facchino noto per la forza bestiale e le ciucche grandiose; un tempo sopra vi era una lapide in latino che recitava:
Ad Abbondio Rizio, espertissimo nel legare e soprallegare fardelli, il quale portò quanto peso volle, visse quanto poté ma un giorno, mentre portava un barile di vino in spalla e un altro in corpo, morì senza volerlo”.

© Mitì Vigliero

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.


5 Replies to “Le più Strane Fontane Romane”

  1. la terrina e quella dell’Inail le conosco bene…le altre sono una vera scoperta! Sei fonte (è il caso di dire) di costanti scoperte!)

  2. La Fontanella del Facchino la conosco bene, ci passo spesso accanto e con dispiacere noto che è sempre piena di cartacce, bacio bacio Mitì;@)

  3. Una curiosità che non troverai su nessun libro, credo. La Fontana della Pigna a Piazza Venezia, era il luogo classico di incontro della gioventù romana dei miei tempi (ossia le guerre puniche !!!).
    Si diceva:” Vediamoci alla Pigna”. Ma si dirà ancora ?

    Ciao e a presto sui ns Blog

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.