Gli Antenati di Santa Pupa: Antiche Divinità Protettrici dei Bambini

Gioacchino Belli, padre d’un bimbo vivacissimo, scrisse un sonetto dedicato a “Santa Pupa”, la figura popolare protettrice dei bambini:

Santa Pupa è una santa che davero
Je peseno, pe cristo, li cojoni;
E appett’a lei tanti santi barboni
Nun zò, Terresa, da contalli un zero.
Va a dì a li fiji tui che ssino boni!
Lo so io co li mii si me dispero,
E me spormòno er zanto giorno intiero:
Senza de lei Dio sa li cascatoni!
Eppuro, a sta gran zanta, poverella,
Je vedi mai una cannela accesa?
J’opre gnissuno un bucio de cappella
?

In realtà Santa Pupa radunava in sé tutte quelle divinità minori che gli antichi romani invocavano per i loro figli sin dalla nascita.

Al momento del parto, che avveniva sotto la direzione generale di Partula (identificabile in origine con la Parca Cloto), si pregava la dea Lucina che portava i neonati “alla luce”; altro suo nome era Candelìfera, alla quale s’accendeva una candela votiva.

Sia Partula che Lucina, con l’avvento del Cristianesimo, furono sostituite da Sant’Anna: il rito della candela accesa di fronte all’immagine della madre della Madonna è ancora vivo in molte regioni dell’Italia rurale.

Appena nato il bebè, era fondamentale l’immediato intervento del dio Vagitano, colui che gli faceva lanciare il primo vagito/strillo il quale, mettendo in moto i polmoni, gli permetteva di respirare.

Se il bimbo era inappetente s’invocava la dea Edusa (da “edo”, mangiare); per il bere c’era invece Potina (“poto”, bere), la quale badava che non si strozzasse deglutendo.

La dea Cuba (“cubo”, dormire) o Cunina (“cuna”, culla) veniva inondata di suppliche se il pargolo con la sua insonnia rendeva insonni gli altri e, nello stesso tempo, vegliava sui suoi sogni cacciando gli Incubi.

Se Pavenzia (“paveo”, temere) l’aiutava a superare gli spaventi improvvisi, Carda ne proteggeva il fisico e il cuore, Stimula ne affinava i sensi mentre Sentia (“sentio”, pensare) si occupava dei suoi ragionamenti, curandone il raziocinio e la prima consapevolezza, insegnandogli pian piano a diventare indipendente.

L’evoluzione dalla lallazione – ossia dal balbettìo di sillabe ripetute dal neonato senza però formulare parole complete e sensate – al linguaggio parlato vero e proprio, avveniva sotto la protezione del dio Fabulinus (“fabulor”, chiacchierare).

Invece il passaggio dal gattonare all’avanzar traballando e precipitando col popò a terra ogni due passi, sino ad arrivare al camminare eretto aveva come nume tutelare il dio Statulino (“stare”, essere fermo in piedi).

Sotto l’egida della dea Iuventas, divinità del passaggio dall’infanzia all’adolescenza contrassegnata dal primo apparire dei pelini sul volto, per i maschietti era Barbatus; per le femminucce al primo menarca invece c’era Dria, dea della pudicizia.

Da quel momento i pupi, diventati grandicelli, iniziavano a uscire di casa da soli; in quel caso mamma e papà si mettevano a invocare la protezione della dea Abeona (“abeo”, vado), mentre chi li guidava riconducendoli sani e salvi al paterno ostello era Adeona (“adeo”, torno”).

Contemporaneamente a ciò i genitori iniziavano – e lo fanno sempre, da millenni – a implorare un’altra divinità che sarebbe da allora diventata, stavolta per loro, sempre più indispensabile: Santa Pazienza.

© Mitì Vigliero

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.


9 Replies to “Gli Antenati di Santa Pupa: Antiche Divinità Protettrici dei Bambini”

  1. ma prima c’era da invocare…

    Numeria dea della matematica che aiutava le gestanti nel conto dei mesi restanti prima del parto,durante il parto,Partula e Uterina,perchè tutto si svolgesse senza intoppi,poi dopo il parto,oltre a quelli che hai citato ci sono anche, Ossilao che si doveva prender cura delle ossa,e Rumina che insegnava a succhiare il latte……poi… ed è quella che mi lascia più perplesso,perchè è esattamente l’opposto dell’altra….

    prima di aver invocato Dria ,dea della pudicizia,al primo menarca…..si invocava LIBERTINA a cui si immolavano i giocattoli con cui si era giocato sino ad allora…..per il dopo..si possono fare varie ipotesi nel caso prevalga l’una o l’altra….

    credo che il modo di dire…non so a che santo votarmi…quando molte cose vanno storte e non si trova soluzione ai problemi,risalga a quei periodi…

  2. Abeona e Adeona qui sono di casa per tutta la notte. E’ come essere alla stazione, c’è sempre un treno che parte o che arriva.

  3. Mio padre, colitico colto e spiritoso, soleva ricorrere alla seguente invocazione:

    Bella Cloacina
    divinità di questi luoghi
    a cui ogni dì accorron gli umani
    fa che le mie offerte
    possano scendere
    ne troppo leste
    ne troppo lente

    Non so con certezza da dove l’avesse ricavata, mi par di ricordare che facesse riferimento ad un’iscrizione in roma presso (ovviamente) un antico cesso pubblico.

  4. Santa Pupa ci aiuta in reparto da sempre!!!
    Oltre al Principale è ovvio!;-))
    Sempre bello leggere i tuoi post e si impara qualcosa ogni volta.
    un bacio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.