Scuse Storiche

–  “Non è colpa mia: è stata lei” (Adamo)

–  “Non è colpa mia: è stato quel viscido verme” (Eva)

–  “Non è colpa mia: è la mia natura” (Il Serpente)

–  “Mamma e papà volevano bene solo a lui” (Caino)

–  “Darei qualunque cosa per un piatto di lenticchie” (Esaù)

–  “Volevo solo dare un’ultima occhiata” (La moglie di Lot)

–  “Non ho mai potuto soffrire i capelloni” (Dalila)

–  “Non so che farci, ma i bambini mi fanno saltare i nervi” (Erode)

–  “Io me ne sono solo lavato le mani” (Ponzio Pilato)

–  “Mica è colpa mia se ho un punto debole” (Achille)

–  “Volevo solo vedere cosa c’era dentro” (Pandora)

–  “Non c’è gusto a volare basso” (Icaro)

–  “Avevo freddo” (Nerone)

–  “Ho scelto l’aspide perché non ho trovato un bravo rinoplasta” (Cleopatra)

–  “Ci avrei giurato tanto da mettere la mano sul fuoco” (Muzio Scevola)

–  “Odio il disordine, e lei seminava fazzoletti ovunque” (Otello)

–  “Non volevo grane” (Celestino V)

–  “Dovevano esser le Indie? Mai avuto il senso dell’orientamento” (Cristoforo Colombo)

©Mitì Vigliero

Altre?

Skip:

– l dado è tratto, è colpa del vizio del gioco (Cesare)

– La donna è mobile, è colpa del trasloco (Duca di Mantova nel Rigoletto)

– Il fine giustifica i mezzi , è colpa delle ferrovie (Machiavelli)

– Meglio un’oca del Campidoglio oggi che i Galli domani (Marco Manlio)

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.


17 Replies to “Scuse Storiche”

  1. La scena più memorabile di Blues Brothers nonchè l’esempio di cosa uno è capace di inventarsi per pararsi le spalle:
    <>

  2. Uff ritento:
    Non ti ho tradito. Dico sul serio. Ero… rimasto senza benzina. Avevo una gomma a terra. Non avevo i soldi per prendere il taxi. La tintoria non mi aveva portato il tight. C’era il funerale di mia madre! Era crollata la casa! C’è stato un terremoto! Una tremenda inondazione! Le cavallette!

  3. scuse domestiche

    scusami …. devo andare… che mi scade lo yogurt nel frigo….

    non posso lavare i piatti…le mie mani non entrano nel buco del bicchiere!…

    “La scopa le devi passare tu”
    “E perchè….??”
    “Perchè sei più vicina alla scopa!

    ti sbrinerei il frigo, ma questo inficierebbe la mia lotta quotidiana contro il disfacimento dei poli….

    certo che potrei lavare i piatti…. ma visto che tu li hai lavati stamattina, tu hai fatto la spesa e tu hai cucinato, mi sentirei come se ti impedissi di chiudere un cerchio….

  4. Il dado è tratto, è colpa del vizio del gioco (Cesare)
    La donna è mobile, è colpa del trasloco (Duca di Mantova nel Rigoletto)

    Il fine giustifica i mezzi , è colpa delle ferrovie (Machiavelli)

    Meglio un’oca del Campidoglio oggi che i Galli domani (Marco Manlio)

  5. L’unico modo per liberarsi di una tentazione è CEDERVI, lo ha detto anche Oscar Wilde, ed è per questo che sono entrata in profumeria e poi in quel negozio di intimo e poi in pasticceria e poi… lo so sono tutte scuse cosa ci posso fare, le scuse esistono per questo!

  6. l’unico modo per liberarsi di una tentazione è CEDERVI, ed è per questo che sono entrata in quella profumeria, e poi in quel negozio di intimo, e poi in pasticceria e poi… lo so da me sono tutte scuse, ma le scuse esistono per questo!

  7. Dimenticavo, lo ha detto Oscar Wilde, che l’unico modo per liberarsi di una tentazione è CE DE RE, non ci sono scuse che tengano.

  8. Dimenticavo, lo ha detto Oscar Wilde che l’unico modo per liberarsi di una tentazione è CE DE RE, non ci sono scuse che tengano!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.