Finocchi all’Odore Allegro

Era da molto che non guardavo il Libro di Mamma, e mentre ieri cercavo una ricetta per la Zuppa di Farro ho trovato, scritta a matita su uno spazio bianco di una pagina, un’altra ricetta che col farro non c’entra nulla, ma che mi è piaciuta molto.

Mi ha fatto ricordare mio fratello Guido che, quand’era piccolo, appena sentiva l’olezzo dei finocchi che stavano bollendo, lo definiva “odore triste“.

Effettivamente quello dei finocchi lessi non è un profumo particolarmente appetitoso e vivace come, che so, quello dell’aglio e rosmarino che sfrigolano nell’olio…

Ma con questa ricetta, sono certa che l’odore diventerà allegro di sicuro.

4 finocchi
1 cipolla
Il succo di 2 arance belle grandi e sugose (di una grattugiare la buccia e tenerla da parte)
latte
burro
curry
sale
pepe

Lessare nell’acqua salata i finocchi belli puliti e tagliati a metà.
In una padella larga soffriggere in un bel tocco di burro la cipolla tritata, anzi, quasi frullata.
Bagnarla col succo delle arance, mescolare, unire la buccia grattugiata, mescolare un paio di volte.
Unire 1 dl di latte circa, 1 cucchiaino di polvere di curry, il sale e i finocchi lessati.
Alzare il fuoco per tre minuti, girando e rosolando bene i finocchi (facendo attenzione a non spappolarli, eh?).
Abbassare un poco il fuoco, fare addensare il sugo per qualche minuto.
Unire  un altro tocchetto di burro fresco, farlo sciogliere bene.
Spegnere il fuoco, spolverare i finocchi di pepe e servirli immediatamente.


A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.


9 Replies to “Finocchi all’Odore Allegro”

  1. Questa è l’ideale per Paolo che odia i finocchi cotti, secondo lui sanno “di ospedale” ;o) A me invece piacciono, ma non li cucino mai proprio perché a lui non vanno. La proverò di sicuro, grazie!

  2. … aglio e prezzemolo! mmmmmmmm

    Io li taglio a fettine sottili li metto a lessare in un testo con un dito d’acqua, aggiungo un goccio d’olio, aglio, prezzemolo, li lascio cuocere un pò, quando sono quasi pronti ci metto dentro i filetti di platessa ancora congelati sale e pepe, basta poco tempo e sono pronti: spolverata di parmigiano e via…

    Un strucon ed un baxin.
    Renata col borineto (venticello figlio di Bora :)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.