Confessione

Devo confessarvi una cosa.

Una cosa che va controcorrente.

Una cosa per nulla progressista.

Una cosa per niente alternativa.

Una cosa che non è più di moda.

Una cosa che non è né snob né chic. 

Una cosa che è l’esatto opposto di quello che dichiara in questi giorni ogni intellettual trendy che si rispetti.

Lo confesso:

Io adoro
Fare e ricevere regali.
E l’Albero e il Presepe.
E i nastri luccicanti.
E le lucine intermittenti.
E i canti natalizi.
E gli auguri.
E il cenone/pranzone coi miei cari.
E i baci sotto il vischio.
Insomma:
Io adoro il Natale.
 

E ora che ve l’ho confessato, torno a fare pacchetti (s’allontana al galòp seminando pezzetti di carta colorata e scintillanti fiocchetti dorati).

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.


38 Replies to “Confessione”

  1. Quest’anno ho attacatto fuori la porta d’ingresso un grosso fiocco rosso imbrillantinatissimo, ho quei brillantini sparsi ovunque,dentro casa, su di me, e li ho trascinati anche in ufficio, in questi giorni chi mi si avvicina brilla, ed ho già fatto l’albero di Natale mi piace godermelo a lungo.Ciao tesorissima-

  2. Una cancerina doc!
    (io da buona pesciolina volevo cominciare a metà novembre a disseminare ghirlande con bacche e fiocchetti ma quello scorpionazzo del mio compagno ha cassato la proposta.. :-( aspetteremo fino all’8!)
    Have a good day!

  3. Vi sono molti atteggiamenti riguardo al Natale
    E alcuni li possiamo trascurare:
    Il mondano, l’apatico, quello sfacciatamente commerciale,
    Il rumoroso (essendo i bar aperti fino a mezzanotte),
    E l’infantile, che non è quello del bimbo
    Che crede che ogni candela sia una stella, e che l’angelo dorato
    Con le ali spiegate sulla cima dell’albero
    Non sia solo una decorazione, ma un vero angelo.
    Il fanciullo stupisce di fronte all’albero di Natale
    Lasciatelo dunque in spirito di meraviglia
    Di fronte alla Festa, che è un evento e non un pretesto. (T.S Eliot)

    ciao e a presto sui ns Blog

  4. Ciao a tutti mi chiamo Bedrosian Baol ed anche io amo il Natale, questo gruppo di sostegno per amanti compulsivi del Natale me lo ha segnalato Vigliero Mitì, so che ci sono altri come me e che c’è il thermos di caffè caldo ed i biscotti.

    :D

  5. Anch’io anch’io anch’io!
    Che bello poterlo dichiarare, senza farsi guardare con compassione!! ;)

  6. Stelle, sì anch’io per le decorazioni aspetto l’8. Ora mi sto dedicando ai regali, li ho comprati praticamente tutti, devo solo impacchettarli. Sono stata velocissima quest’anno! :-)***

  7. Silenzi, vero. Io adoro l’anima del Natale, quella intima e vera. Festa della Famiglia e degli Affetti. Punti fermi e stabilità. Mai come quest’anno ce n’è bisogno, vero? :-*

  8. Max, io capisco che molti non amino questo periodo. Personalmente ricordo Natali orribili, in cui avrei dato fuoco all’albero e frantumato le palline a martellate. Ma non era colpa del Natale; ero io, e tutto quello attorno a me, che non era nello spirito adatto.

  9. Io amo il Natale in casa mia. Non quello della pubblicità, non quello del siamo tutti più buoni per forza.
    Amo quello di casa mia, con la mia famiglia, i miei amici, tutti le persone a cui voglio bene e stimo.
    Come una culla che tiene caldo e protegge.
    Mi piace crogiolarmi in quel tepore.
    Mi dà sicurezza e serenità.

  10. Io amavo il Natale. Poi quando lo vedi sotto una certa prospettiva perdi tutto l’incanto. Ma non penso che la colpa sia della festa in se ma semmai della persona che non lo vive…

  11. Mitì, tesoro, anche io ero come te. Da qualche anno la mia vita è cambiata ed è cambiato anche il Natale. Poi non sopporto la kermesse consumistica. Però ancora oggi godo a regalare qualcosa di pensato e ogni anno compero un piccolo addobbo nuovo. Mi sa che non mi è passata del tutto.

  12. Bello fare regali, anche a me piace molto , più che per il regalo in se per la ricerca di qualcosa di adatto alle (comunque poche) persone cui faccio un regalo. Però debbo dire che invece ho abbastanza disagio nel ricevere un regalo xD

  13. tanto tempo fa, il giorno di natale lavoravo in una mensa pubblica, e quel giorno mi stringeva il cuore per le persone sole, che “quel giorno lì” non avevano nessuno; persone dabbene, che cercavano anche di giustificare i propri figli e parenti lontani, provavano vergogna per la loro solitudine; troppa gente è sola col proprio dramma, la propria malattia, la propria vecchiaia, la propria miseria; e penso quest’anno ai papà senza lavoro, che dovranno dire ai figli: “babbo natale ha le renne stanche, non può portare molto”

    carissima placida signora, tu sei onesta e sincera nel dirlo, che ami il natale, ed io ti apprezzo, ma io, il natale, per come è davvero, non lo amo, per nulla

    l’aspetto religioso, quello, invece, mi piace, ma senza alcun orpello spendaccioso

    insomma, carissima, non sono d’accordo, ma tu hai tutto il diritto di esser contenta e credimi, mi fa anche piacere

  14. Ecco si forse sono io, forse. Però non ci posso pensare alla vigilia a casa di mia suocera con un’atmosfera di tutti contro tutti e però lì a sorridere perché è Natale, e il pranzo del 25 con i miei e a parte malumori vari mia cognata che ha apertamente dichiarato che lei i fatti suoi (cioè problemi di concepimento) a me mio fratello non li deve dire perché io non sono persona di fiducia… Ecco io magari passerei direttamente al 31. Ovviamente mi asterrò dai regali.

  15. anche io adoro il Natale. Però mia mamma è testimone di geova, di conseguenza a casa mia non si festeggia…. gli ultimi bei ricordi di natale che ho risalgono a 20 anni fa. Quest’anno però ho una casa tutta mia e se Dio me la manda buona (anzi, se l’e on mi manda il gas) forse, e dico FORSE quest’anno lo potrò festeggiare con il mio amore…. speriamo che sti impuniti si diano una mossa.

  16. La mia casa a Natale è piena della loro presenza : I BAMBINI !
    Senza il loro sorriso e il loro allegro vociare , per me Natale sarebbe, lo ammetto, un poco sul depresso andante.

  17. Hai ragione: il Natale è bello. Gli speculatori lo hanno abbruttito in una selvaggia corsa consumistica, ma io sono FERMAMENTE convinta che il Natale è il Natale e se nei nostri cuori c’è sincerità, il Natale RESTA il Natale NONOSTANTE tutto!

    Siamo NOI che facciamo la differenza!
    Un abbraccio ed un bacione! Renata

  18. anch’iiiiiiooooooooo adoro il natale… ho condiviso (spero non ti dispiaccia) il link di questo post su facebook…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.