Divagazioni su Conservatori, Scatole, Libri e Regolamenti Condominiali

scatoloni

Siamo una famiglia conservatrice, nel senso che qui si conserva tutto, non si butta via niente, ché-può-sempre-venir-bene.

Ad esempio. Immersi per lavoro e passione fra numerosi strumenti tecnologici, le scatole di detti strumenti non si eliminano, mai; perché nel caso si rompessero, quegli aggeggi andranno spediti all’assistenza delle case madri accuratamente chiusi nei loro imballaggi originali.

E così viviamo assediati da decine e decine di scatole vuote d’ogni forma e dimensione (e quando dico di ogni dimensione intendo proprio ogni dimensione; si va da cosettine 7×5 cm a mostri di cm. 40×150), accuratamente celate sugli armadi, impilate nelle dispense, incastrate sotto i letti.

E poi se si prende uno scanner che fa 80 cose in più di quello vecchio, quello vecchio ma ancora funzionante vorrai mica eliminarlo no? Per adesso infilalo .  Così come la vecchia tv che stava in cucina, va ancora benino: per ora mettiamola che poi ci pensiamo. E il monitor piccolo sostituito da quello grande? Posa, poi si vedrà.

E i libri?
Insomma, lo sapete che in questa famiglia si venerano, i libri. 
Non solo quelli che si comprano in libreria o su IBS o sulle bancarelle o che arrivano dalle case editrici. No. Qualunque allegato esca con una rivista o un quotidiano, deve essere nostro.

Ricordate, per esempio, l’Enciclopedia di Repubblica del 2003?
L’ho raccolta allora io qui a Genova, Fabio a Bologna e mia suocera a Roma, perché poteva venirci utile a Campagnano.
Morale, 3 enciclopedie identiche sparse in 3 case diverse. 
Noi, se abbiamo bisogno di sapere velocemente una data o un nome, pur con tutte le precauzioni del caso andiamo su Wikipedia. O su San Google.
Se debbo informarmi approfonditamente su un argomento antico, posseggo una libreria ( fatta da più librerie, intese come mobili) ormai composta da circa 4000 volumi.
E poi, esiston sempre le Biblioteche, no?

Senza parlare del fatto che quell’enciclopedia occupava uno spazio preziosissimo che potevo riempire con le pile di altri libri che da mesi stazionavano sul tavolo in studio in attesa di trovare un posto dove esser sistemati.
Insomma, essendo la biblioteca dell’avita vecchia casa ormai arrivata a tappo, l’Enciclopedia è presto finita qui, nella camera degli ospiti,  in 2 scatoloni che sono andati a far compagnia ai 6  dove già riposavano romanzi e saggi da cui non voglio assolutamente separarmi, e ai 12 ancora pieni dei libri di mamma  che mi piacciono e serviranno, prima o poi, di sicuro; ai 10 zeppi dei miei articoli cartacei, agli delle recensioni ai miei libri.
Gli ospiti dormivano circondati da Cultura Incartonata (senza protestare devo dire, soprattutto se insonni e muniti di unghie affilate per tagliare lo scotch che li chiudeva, alla caccia di qualcosa da leggere)

Però, proprio mentre cominciavo a meditare seriamente come soppalcare completamente uno stupido appartamento privo di stupida cantina ove sistemare una volta per sempre i sempre più odiati scatoloni, ho visto che vicino a casa un signore stava appiccicando il cartello VENDESI alla saracinesca di un vecchio fondo, ex negozio da decenni adibito a magazzino.

Dopo due settimane stringevo fra i denti il rogito notarile e in mano le chiavi della mia salvezza: un nido tutto da riempire di scaffali di libri sino al soffitto, e di scatole vuote.

Ora mi tocca solo un altro trasloco
Ma va bene così.  

Insieme alle chiavi e a vari papiri, mi han consegnato anche il Regolamento di Condominio dello stabile, un bel palazzo annata 1935.

Devo proprio fotocopiarlo e spedirlo a Enrica, che colleziona per studio documenti storico-sociali dell’epoca; certi articoli del Regolamento, poi, sono fantastici.

Ve ne riporto alcuni, affinché li teniate a mente durante i soliti litigi delle vostre odierne Assemblee Condominiali, e lasciando a voi i commenti sul “come eravamo“:
        

Art.26
L’ascensore funziona ininterrottamente a tutto rischio e pericolo di chi l’usa.
Fa servizio solo in ascesa e per l’accesso agli appartamenti, eccetto i casi comprovati di persone in età avanzata o affette da infermità.
Non possono usufruire dell’ascensore i ragazzi fino agli anni 13 se non accompagnati, le persone di servizio in genere, i fornitori, le persone affette da malattie contagiose, coloro che non fossero decentemente vestiti
.

Art.28
Il consumo dell’acqua non dovrà superare i 400 litri ad appartamento. 
L’acqua calda verrà pagata in base al consumo.
Durante la stagione estiva e cioè dal 1° giugno al 1° ottobre, la temperatura rilevata dal termometro del riscaldatore (ebollitore) non dovrà superare i 40 centigradi.
A richiesta della maggioranza dei condomini o qualora il consumo importasse una spesa eccessiva, l’Amministratore dovrà disporre che la caldaia venga accesa limitatamente a 3 giorni per settimana
.

Art.29
Il calorifero sarà tenuto acceso dal 15 Novembre al 15 marzo in modo da dare negli appartamenti una temperatura costante di 17°.
Se nel periodo di normale accensione la temperatura esterna alle ore 10 a Nord del caseggiato superasse i 10°, l’Amministratore dovrà ordinare che la pressione sia ridotta
.

Art.30
E’ assolutamente proibito destinare gli appartamenti ad uffici per enti pubblici, ad affitta camere professionali, ambulatori, sanatori, gabinetti per cura di malattie infettive, pensioni, ristoranti ed in genere di farne uso contrario alla moralità, alla tranquillità, alla decenza, ed in genere al buon nome del caseggiato.

(I miei scatoloni vuoti e i miei libri sono serissimi e morigerati: lo giuro.)

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.

26 Replies to “Divagazioni su Conservatori, Scatole, Libri e Regolamenti Condominiali”

  1. dopo la furia iconoclasta dei mesi scorsi ed i 400 kg di carte eliminate, ho ridotto del 90% la tendenza conservatrice – non prendo più opuscoli, né… Che bella rivista, la tengo? no, va, bella però, eh! né ritaglio articoli – insomma vivo molto più leggero

    mi sarebbe piaciuto averti contagiato, ma vedo che sei senza speranze .-P

  2. grazie! Certo che messo sul blog l’originalità di un documento va a farsi un po’ benedire..;) (negli studi non siamo ehm generosi, a meno che non siano già pubblicati ovviamente)

  3. 17 gradi? 17 GRADI? E se fuori ce ne sono 10, abbassare la caldaia? Giuro che non mi lamenterò mai più del freddo in casa mia! ;D

  4. Un vero scandalo entrare in ascensore in abiti succinti!
    P.S. Però ci si può fare l’amore, il regolamento condominiale a tal proposito non dice niente quindi…;*)

  5. Pingback: Placida Signora » Blog Archive » Divagazioni su Conservatori …

  6. Hai fatto benissimo. Oltretutto appena elimini gli articoli o i testi o le scatole che avevi tenuto perché potevano venir bene, è matematico che a 10 minuti dall’eliminazione ti serviranno. ;)

  7. Avete un ascensore che mi pare una cattedrale… °__°

    Poi noto una certa strisciante psicosi da malalattia contagiosa… troppi film catastrofici?

  8. Peppermind, nel ’35 imperversavano tubercolosi, tifo e sifilide, e non tutti si curavano o facevano attenzione all’igiene; ci si lavava molto poco, ci si cambiava poco, c’era la pessima abitudine di sputar per terra, ovunque…A noi oggi sembrano raccomandazioni folli, però effettivamente un senso allora l’avevano. :-)*

  9. Cara Mitì,
    mi sa che in traslochi…mi hai superato!

    Per quanto riguarda i libri e cartaceo vario, beh forse ce la possiamo giocare!

    Baci ;-)

  10. Ups, avevo capito fosse il regolamento attuale del tuo condominio, non del ’35.
    O meglio, avevo letto, ma ero già partito per la tangente.

    C’è da dire che se non mi è parso così strano che fosse attuale, c’è qualcoda che non va… nell’ATTUALE.

  11. Come ti capisco, oltre ai libri ovunque ho anche una enorme collezione di vecchi giornali/riviste. E un marito molto paziente che però ha una collezione di rane e una di souvenir/gadget e giornali sull’Ancona calcio.

  12. tempo fa è morto un signore, in uno stabile non lontano da qui; mio padre, nel cassonetto dei rifiuti (tra l’altro non quello specifico della carta) tanti libri, che i parenti del signore in oggetto, hanno rapidamente scaraventato fuori, forse per realizzare una stanza in più, forse per esigenza di spazio; dei libri di quel signore mio padre ne ha raccolto qualcuno, due o tre libri della medusa mondadori, un libro di de crescenzo, e qualcosa d’altro; se buttano via i tuoi libri, però, forse sei morto anche di più;
    io di libri ne ho troppi, forse sarebbe meglio lasciare una valigetta coi commenti personali, e lasciar scritto: tutto al macero, tenete giusto i commenti/riassunti che ho fatto io, che in fondo è quel che davvero mi porto nell’aldilà; o se no tutto al riciclo, tanto di libri al mondo ce ne sono anche troppi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.