I Sogni son Desideri nel Cassetto

 

dream-chamber-by-zack-schnepf
(Dream Chamber by Zack Schnepf)

Chi la ricorda, questa?

I sogni son desideri
chiusi in fondo al cuor
nel sonno ci sembran veri,
e tutto ci parla d’amor.
Se credi chissa’ che un giorno,
non giunga la felicita’
non disperare del presente,
ma credi fermamente,
e il sogno realta’ diverra’
.

Nel sonno però non sempre i sogni sono “desideri di felicità”; qualche volta posso essere veri incubi ;-)

Invece io vorrei parlare proprio di quei sogni belli fatti da svegli; quelli che teniamo nel cassetto magari da quando eravamo piccoli; quelli che qualche volta si avverano subito, ma soprattutto quelli che restano lì in attesa di esaudirsi: e quando ci pensiamo, ci scaldano ogni volta il cuore.

Non debbono per forza essere sogni razionali; sognare cose belle e impossibili è in fondo un gioco che facciamo con noi stessi, risvegliando la nostra parte bambina che ringraziando il cielo  non cresce mai.

Voi avete un sogno-desiderio nel cassetto, realizzabile o meno non importa?

Krishel: Ne ho di infiniti come il mare. Ma sono tutti irrealizzabili. Sogno un mondo in cui l’uomo comincia a valere per quello che è e quello che ha da dare al mondo. Sogno la mia anima gemella che esiste, io lo so, ma chissà dove è e cosa fa e se sta perdendo tempo a cercarmi così come lo sto perdendo io. Sogno più certezze e meno dolore per me, per chi amo, per il mondo intero. Sogno di poter chiudere la vita con un sorriso e con la consapevolezza di non aver lasciato nulla di irrisolto e, soprattutto, di aver lasciato un buon ricordo nel cuore delle persone che ho incontrato…

Mimosafiorita: Sogno di NON aver perso le varie occasioni che la vita mi ha generosamente offerto, e che io mi sono fatta sfuggire. Sogno di AVER seguito i consigli che mi hanno dato, e che qualche volta ho ignorato.

Beppe: Da piccolo sognavo di fare il pilota di aerei. Poi quando ho preso per la prima volta l’aereo (avevo 12 anni) per andare in Sicilia, ho scoperto di soffrire tremendamente il mal d’aria. Così ho messo il pilota nel cassetto dei sogni, convinto però che prima o poi inventeranno una pastiglia antinausea veramente efficace.

ZiaPaperina: Io mio sogno desiderio nel cassetto è di andare a vivere in una casa in riva al mare. Prima o poi ci riuscirò, eh?

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.


26 Replies to “I Sogni son Desideri nel Cassetto”

  1. Ne ho di infiniti come il mare. Ma sono tutti irrealizzabili. Sogno un mondo in cui l’uomo comincia a valere per quello che è e quello che ha da dare al mondo. Sogno la mia anima gemella che esiste, io lo so, ma chissà dove è e cosa fa e se sta perdendo tempo a cercarmi così come lo sto perdendo io. Sogno più certezze e meno dolore per me, per chi amo, per il mondo intero. Sogno di poter chiudere la vita con un sorriso e con la consapevolezza di non aver lasciato nulla di irrisolto e, soprattutto, di aver lasciato un buon ricordo nel cuore delle persone che ho incontrato…

  2. Sogno di NON aver perso le varie occasioni che la vita mi ha generosamente offerto, e che io mi sono fatta sfuggire. Sogno di AVER seguito i consigli che mi hanno dato, e che qualche volta ho ignorato.
    P.S. La canzoncina me ricordo molto bene, mia mamma la canticchiava spesso.

  3. Da piccolo sognavo di fare il pilota di aerei. Poi quando ho preso per la prima volta l’aereo (avevo 12 anni) per andare in Sicilia, ho scoperto di soffrire tremendamente il mal d’aria. Così ho messo il pilota nel cassetto dei sogni, convinto però che prima o poi inventeranno una pastiglia veramente efficace.

  4. Io mio sogno desiderio nel cassetto è di andare a vivere in una casa in riva al mare. Prima o poi ci riuscirò, eh? ;o*

  5. Il mio più grande desiderio si è già realizzato e si chiama Gabriele :-)

    Ora sogno un lavoro con orario 9-17 (e non fino alle 20 e passa come ora) che mi permetta di stare un po’ di più con mio figlio… ma pare proprio un desiderio irrealizzabile, specie per una donna, madre, giornalista, over40 :-/

  6. Il mio sogno, era vivere ogni giornata della vita appieno, senza momenti vuoti. Senza minuti passati privi di qualita’, o di utilita’.
    Il mio sogno, tutt’ora, e’ di riuscire a rialzare la testa, e le gambe. Anche se hanno cercato di piegarmi.

    Il mio sogno e’, che *sto realizzando un sogno* (il lavoro futuro), e spero ‘che me la cavo’, almeno questa volta;-)))

  7. alcune volte è bene pensarci due volte prima di desiderare qualcosa….non sempre la cosa desiderata è come si vorrebbe…

  8. Ce n’è sono ancora 2 o 3 sogni nel mio
    cassetto , uno di questi è vincere una bella sommetta al Superenalotto per poter sistemare i cani e gatti della mia associazione di volontariato
    ASPA (Protezione Animali)realizzando un PARCO per loro, con alberi, aiuole, un ruscelletto con il ponticello, giochi, cucce comode….. appunto un SOGNO!

  9. mollate gli ormeggi…
    vorrei fare il giro del mondo in barca a vela….

    mi manca qualche “venerdì”….ma magari se faccio naufragio trovo anche quello… :))

  10. questo non è un desiderio da tenere nel cassetto….magari è meglio una tinozza…

  11. Non basta lo spazio, per elencare i tanti sogni. Anche a cinquant’anni suonati non smetto di farlo. Da piccola sognavo di vendere libri e giornali per poter leggere sempre. Oggi vorrei aver tanto tempo per leggere tutto quello che vorrei(impossibile! ho sul comodino una pila di libri e riviste…); vorrei scrivere, scrivere, scrivere e un editore che mi faccia la corte (in senso professionale) e non il contrario. Vorrei volare: mi piacerebbe, con un elicottero o un aliante (anche se ho paura) sorvolare i posti che conosco, il mio paese, quello dell’infanzia. Un po’ questo sogno s’è realizzato con le immagini dal satellite di google maps, chi l’avrebbe mai detto? poi…
    dai, te l’avevo detto che lo spazio non basta… vado a sognare a letto, vista l’ora.
    Ciao, Mitì dei sogni…

  12. probabilmente è durante i sogni che siamo noi, mentre nella veglia siamo il compromesso possibile con la realtà; del resto il cervello lavora molto più la notte che il giorno; di giorno c’è il garzone a disbrigar le faccende, di notte, c’è il re che fa e disfa il nostro mondo; non ho sogni degni della realtà, stanno bene lì, appunto nel mondo del sogno; c’era un bel frammento di pindaro, ma non me lo ricordo e usare google è sleale

  13. per i sogno da sveglio: avere una bella disarmonica, saperla suonare, stare in piazze e città di gente felice, che ascolta e mi lascia due spiccioli nel cappello; amo la musica sentimentale e la libertà

  14. Avrei tanti sogni. Ecco alcuni in ordine sparso.

    – inventare un distributore automatico di sorrisi
    – un viaggio nel futuro e uno nel passato
    – un viaggio intorno al mondo e uno lungo la via Lattea
    – l’applicazione effettiva della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (con i rispettivi doveri) ovunque .

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.