Maggio

Ben venga Maggio
(Poliziano-Palladini-Gargano)

Ben venga maggio
e ‘l gonfalon selvaggio!
Ben venga primavera,
che vuol l’uom s’innamori:
e voi, donzelle, a schiera      
con li vostri amadori,
che di rose e di fiori,
vi fate belle il maggio,
venite alla frescura
delli verdi arbuscelli.       
Ogni bella è sicura
fra tanti damigelli,
ché le fiere e gli uccelli
ardon d’amore il maggio.
Chi è giovane e bella      
deh non sie punto acerba,
ché non si rinnovella
l’età come fa l’erba;
nessuna stia superba
all’amadore il maggio       
Ciascuna balli e canti
di questa schiera nostra.
Ecco che i dolci amanti
van per voi, belle, in giostra:
qual dura a lor si mostra       
farà sfiorire il maggio.
Per prender le donzelle
si son gli amanti armati.
Arrendetevi, belle,
a’ vostri innamorati,       
rendete e cuor furati,
non fate guerra il maggio.

Buon Maggio!

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.


17 Replies to “Maggio”

  1. Che m’hai ricordato, stanotte è il Cantamaggio!
    Mi ricordo le notti passate andando di borgo in borgo a “cantare il maggio” chiedendo vino e cibarie fino a che non si crollava ubriachi sul bordo di qualche via.
    Chissà se lì in Umbria c’è ancora qualcuno che lo fa…

  2. Ma mi dite che cos’ha
    questa sera la piccola città?
    Ma mi dite perché mai
    questa saggia bottegaia
    sempre grave e intesa al sodo,
    fa la matta a questo modo?
    Si direbbe che il profumo
    della glicine e del tiglio
    le abbia messo lo scompiglio
    nel cervello.
    Certamente io mai non vidi
    il mio truce salumaio
    stare in ozio
    come adesso,
    su la soglia del negozio
    e sorridere a se stesso
    così gaio.
    Certamente il calzolaio
    non cantò mai come canta
    questa sera,
    delicato appassionato,
    « e mia sposa sarà la mia bandiera… »
    «Avvocato, buona sera!
    Avvocato, come va? .-.»
    L’avvocato non fa caso
    non mi vede, né mi sente,
    e mi passa sotto il naso
    fischiettando allegramente,
    e rotando a mulinello
    la sua mazza.
    Nella piazza
    è un tumulto di bambini
    piccinini:
    un concerto stonatello
    di grilletti canterini
    cui fa il basso la campana
    del castello…
    Ma mi dite, ma mi dite, che cos’ha
    stasera questa pazza di città?
    (Maggio di Diego Valeri)

    Buon 1° Maggio Miti’!

  3. grazie per avermi fatto ritrovare andrea palladini e il suo “Benvenga Maggio”, canzone tratta dalla poesia del Poliziano,prolifico autore del XV secolo. La versione musicata da Palladini la sentivo almeno trent’anni fa su una radio libera. Palladini è autore di un disco (LP) contenente varie poesie musicate, tra le quali Pascoli e questa bellissima canzone del Poliziano.
    Grazie ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.