Placide Segnalazio’

Per questi giorni di festa, le mie solite segnalazioni fatte al solito galòp.

1) Per la serie “Donne che piacciono a me“, giovani e grintose,  coi piedi ben piantati a terra, prive di ogni Sindrome da Madretèrna, ma sprizzanti semplice allegria e intelligente ironia: Ufficio Complicazioni Affari Semplici: compriamo le bici  di SdG, mamma dei Patopi (2 gemelli di 4 anni) e di Patop-X (Mathias, 3 mesi).
E sempre per stessa serie, consiglio caldamente la lettura stavolta di un libro divertentissimo: Bimbo a bordo, opera prima della tesoramia Barbara Sgarzi-Blimunda.  

2) Novecento, con il suo solito stile brillante, fa riflettere col suo post “Uomini e donne delle caverne”   

3) Peter, di Mitia. Un gran bel racconto.

4) Sofia e la Peregrina, storia di una perla decisamente regale, di Marina.

5) Un po’ di bei Tumblr italiani (gli stranieri la prossima volta):
Pensierispettinati; Hneeta; Cornerlist; DielleSt4rz; Nikink; Skiribilla; Puscic;  Pollicinor; Mumblemumblr; MrMozorising; Corax;  Imod; Blondeinside; Strepitupido; CrumblesSurripedia; Hessiano Nullo; Nipresa; Addictions; Batchiara; Risposte senza domandaCatastrofe; Unpalombaro; Maisuccesso; Elvira.

6) Vi piacerebbe saper fare i disegnini sulla schiumetta del caffè? Provate qui.

7) Qual è il vostro Nome Nerd? Il mio Griselda, the Mac OS X Savant. E il primo che sghignazza, lo riduco placidamente in pixel (anche se ne ha tutte le ragioni) ;-D

Buon week end!

Storia delle Bandiere

bandiere
(Flickr)

Originariamente le bandiere (dal lat. med. “banda”, insegna)  erano meri simboli religiosi; la più antica fu lo stendardo dei Faraoni egiziani, considerati divinità.
Furono i re Assiri del IX sec. a.C. a utilizzarle per primi come insegne di guerra.

La cavalleria Romana usava i “signa”, insegne coi simboli delle legioni, e i “vexilla”, simili ai gonfaloni, mentre la fanteria faceva uso di lunghe aste sulla cui cima era fissata la figura dell’aquila.

Bandiera ufficiale degli imperatori romani era il “labaro”, stendardo di seta tinto con porpora e ornato d’oro, appeso con una sbarretta trasversale all’asta.
Da quello derivano tutti gli stendardi religiosi utilizzati nelle processioni cristiane, oltre a quelli delle varie associazioni d’armi, civili e militari.

In Europa l’utilizzo delle bandiere vere e proprie fu introdotto dall’Islam che a sua volta l’aveva appreso dall’India.
La bandiera di Maometto era nera, quella dei califfi Ommayadi bianca, mentre gli Abbassidi tornarono al nero: i califfi Fatimidi scelsero infine il verde, che divenne in seguito il colore ufficiale di tutto l’Islam insieme al simbolo della mezzaluna voluto nel 1250 dai turchi Osmanli.
E questi tre colori (nero, bianco e verde) ricorrono tuttora nelle bandiere degli Stati Arabi.
 
Nell’Europa medioevale le bandiere si diffusero numerose sia come insegne militari, sia come stemmi di casati nobiliari.
I Papi donarono spesso bandiere benedette raffiguranti santi ai Principi regnanti; così i diversi Re innalzavano, nell’entrare in guerra, gli stendardi coi rispettivi santi patroni.
Da lì nacque anche l’uso di prestare giuramenti di fedeltà davanti alle bandiere e di coprire con esse i corpi dei soldati caduti in battaglia.

La Francia fu la prima ad adottare la bandiera come simbolo nazionale; questo avvenne nel 1479 sotto il regno di Luigi XI.
La Gran Bretagna la seguì nel 1606 con l’Union Jack, “bandiera dell’unione”, vessillo del Regno Unito costituito dalla fusione della croce di San Giorgio (Inghilterra) con quella di Sant’Andrea (Scozia): nel 1801 venne aggiunta la croce di San Patrizio (Irlanda).

La Rivoluzione Francese assunse come bandiera il tricolore blu bianco e rosso, dal quale deriva il nostro primo tricolore (allora aveva strisce orizzontali, col verde al posto del blu) il 14 maggio 1795 in una dimostrazione di studenti e poi dai patrioti della Repubblica Cispadana e Cisalpina che combatterono con Napoleone nel 1796: l’anno dopo il nostro tricolore ebbe l’approvazione ufficiale del Bonaparte.

Nel 1814, con la caduta del regno italico e il ritorno dell’Austria il tricolore fu abolito, ma resuscitò nel Moti Carbonari, come vessillo della Giovane Italia e poi da tutti gli stati italiani che avevano o che ambivano un governo costituzionale.

Infine, con i colori disposti verticalmente e lo stemma dei Savoia al centro divenne nel 1861 ufficialmente simbolo nazionale del Regno; lo stemma venne abolito nel 1947 sostituendolo, in tipi speciali, con la Stella d’Italia a cinque punte coronata di quercia e alloro sullo sfondo di una ruota dentata simboleggiante il Lavoro, primo principio della nostra Costituzione.

E se volete saperne di più, ricordo che a Reggio Emilia, in Piazza Prampolini si trova il bellissimo Museo del Tricolore 

©Mitì Vigliero