Storia della Diplomazia: come nacque una delle “arti” più difficili del mondo

diplomatici

La parola deriva dal greco “diploma” (da “diplωn“, doppio)  lett. “scritto piegato in due“, il foglio che  gli antichi ambasciatori ricevevano dai loro capi e sul quale stava scritto lo scopo della missione da compiere.

I documenti più antichi riguardanti la nobile arte della diplomazia risalgono al 1300 a.C.; trovati sulla riva destra del Nilo a Tel-el-Amarna, riportano i trattati di alleanza fra Ittiti ed Egiziani.

Altri, risalenti al VII sec. aC. e rinvenuti a Ninive, raccontano le frenetiche manovre diplomatiche del re Assurbanipal con tutti gli altri potenti Orientali.

Da sempre era uso che gli ambasciatori fossero muniti di una specie di passaporto speciale detto “credenziale“, una lettera in cui erano scritti tre punti fondamentali: scopo della missione, identità dell’ambasciatore e la ferma esortazione “a credere” tutto ciò che questo avrebbe detto senza torcergli un capello perché, come si dice ancora oggi, “ambasciator non porta pena“.  Ossia non ha nessuna colpa di ciò che viene a riferire.

Nell’antica Grecia, divisa lungamente in minuscole ma litigiosissime  città-stato, i rapporti diplomatici erano affidati ai primi ambasciatori ufficiali della storia, gli “àngheloi” (messaggeri), scelti accuratamente tra i cittadini che in patria avevano da sempre mostrato buone doti di abilità di rapporto con gli altri.

Se la missione a loro affidata andava a buon fine, una volta tornati a casa questi venivano festeggiati pubblicamente come eroi e incoronati d’alloro.

I trattati firmati dai vari capi di governo erano considerati letteralmente sacri; se qualcuno faceva il furbo e li violava, veniva multato: se non pagava, veniva disintegrato tramite “guerra santa“.

I rapporti fra Roma antica e le città straniere invece, erano mantenuti dal collegio dei “feziali” (da “foedus“, alleanza): 20 sacerdoti potentissimi che avevano il compito di dichiarare armistizi, guerre, paci.

Chi di loro veniva spedito in terra straniera come ambasciatore, veniva definito “legato” (inviato).

Nell’Urbe monarchica era il Re a nominare gli ambasciatori (e così in quella imperiale); in quella repubblicana erano i senatori a farlo: fu in quel periodo che proprio a Roma vennero aperte le prime scuole specializzate in “ars diplomatica, frequentatissime da studenti anche provenienti da stati esteri.

La figura del diplomatico straniero residentein modo fisso in una Corte d’altro stato, fu inventata della Chiesa quando inviò Nunzi Pontifizi a vivere stabilmente nel palazzo imperiale di Bisanzio.

Lo stesso metodo venne seguito dalle Repubbliche Marinare di Venezia e Genova, che sparsero nelle più importanti città d’Oriente i loro rappresentanti ufficiali, i quali le tenevano costantemente informate tramite l’invio di “copie” riservate.

In età moderna, cioè dopo la scoperta dell’America e la conseguente nascita di grandi e potenti stati nazionali sempre pronti a farsi vicendevolmente le scarpe, la presenza di ambasciatori fissi in terra straniera divenne indispensabile.

Nei momenti di crisi, dalle varie capitali partivano ambasciatori straordinari che raggiungevano quelli permanenti; i più famosi di questi, nel XVII sec., furono due giovani e abilissimi prelati destinati a una grande carriera nella storia: Richelieu e Mazzarino.

© Mitì Vigliero

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.


15 Replies to “Storia della Diplomazia: come nacque una delle “arti” più difficili del mondo”

  1. Credo che fare il diplomatico sia davvero uno dei mestieri più difficili che esistano. Oggi poi che tutto è collegato, politica/industria/religione…è come camminare perennemente su un tappeto minato.

  2. Oggi gli ambasciatori nei pesi cosiddetti civili solo ben tutelati. Un tempo invece li facevano fuori tranquillamente; defenestrati, decapitati, annegati…..Per quello se tornavano erano considerati eroi!;oD

  3. Che bello questo post! Spiega cose che non sapevo affatto, e che sono sempre più attuali. Leggere le (scarse) notizie riguardanti la Russia&c, ad esmepio, mi lascia un grande grande grande senso di inquietudine…

  4. Max, vero. Non viviamo un bel periodo. Ci sono molte cose che mi ricordano i primi del Novecento, la “polveriera” d’Europa…Speriamo in bene. :-*

  5. Citazioni sulla diplomazia…. trovate nel web

    * Diplomazia è la scienza di coloro che non ne hanno alcuna e sono profondi per la loro vuotaggine. (Honorè De Balzac)
    * Diplomazia: la via più lunga fra due punti. (Pierre Decourcelle)
    * Diplomazia: La patriottica arte di mentire per il proprio paese. (Ambrose Bierce)
    * Il Diplomatico è un uomo che ricorda il compleanno di una signora e dimentica l’anno di nascita. (John Garland Pollard)
    * In diplomazia l’ultimatum è l’ultima richiesta prima di passare alle concessioni. (Ambrose Bierce)
    * La diplomazia è l’arte di permettere a qualcuno di fare a modo tuo. (David Frost)
    * La diplomazia rassomiglia ad un incontro di pugilato con guanti glacé nel quale il suono del gong viene sostituito dal cin cin dei bicchieri di champagne. (Georges Pompidou)
    * Metà dell’arte della diplomazia consiste nel non dire nulla, specialmente quando stiamo parlando. (Will Durant)

  6. una volta l’ho assaggiato….il diplomatico(dolce)…..però ancora non sono riuscito a capire perchè gli è stato dato questo nome…

  7. Roger, la frase di Pompidou è meravigliosa :-)
    Il diplomatico si chiama così credo perché venne creato da un pasticcere proprio in occasione di un incontro di diplomatici a livello mondiale…Devo avere la storia da qualche parte, nel mio mega archivio (ancora tutto da riordinare…)

  8. Non sapevo che la parola diplomazia derivasse dalla lingua greca e non ero a conoscenza di tutte le altre notizie che ci spieghi in questo post!
    Come sempre ti ringrazio e ti abbraccio Miti, mia fonte inesauribile di cultura!!

  9. I tuoi post sono sempre preziosi!
    Avevo solo una vaga idea di alcune questioni che hai riportato.
    Certo, la diplomazia è un’arte difficile da praticare, ma val bene ricordarsene nei rapporti quotidiani, ché ormai si vive sempre come “in prima linea”.

    Un abbraccio :)

  10. MIa moglie dice che io sono un buon diplomatico (per averle risolto una grana usando la fine politica del buon senso) ma dice anche che quando non voglio essere diplomatico non devo neppure parlare si vede direttamente dalla faccia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.