Cosa si stanno dicendo?

 


(foto by Helga ni , click per ingrandire)

 

Alianorah: Il gatto alla bimba: “Dai su, facciamo pace!”

Caravaggio: Stanno sussurando al vento

MimosaFiorita: La bimba: che dici, avranno capito che la nutellagnamm l’ho mangiata tutta io e le salsicce le hai rubate tu?
Il micio: srlupppmiaoNO!

Gianluca: lei bimba a lui gatto: non possiamo continuare a vederci di nascosto, mio papà comincia a sospettare qualcosa…
lui gatto a lei bimba: sono pronto a trasferirmi da te!

Nonsonocostante: Fermo, stai qui, vediamo cosa scrivono quelli lì che vengono dalla Placida Signora, no, quel passero lo insegui dopo, dai, stai un po’ fermo qui con me che poi leggiamo… a proposito, tu sai leggere?

Giarina: è proprio obbligatorio diventar grandi?

MademoiselleAnne: La bimba al gatto: se mi insegni a fare le fusa ti do un po’ del mio gelato, ci stai?

Margutte: “Che noia, che barba, che barba, che noia!”.

Luca: il gatto:
belìn puscibbile che ogni vouta che me sercu in poustu au frescu l’arrive quarchedun a frattàse
“possibile che ogni volta che trovo un posto al fresco arriva qualcuno a strofinarsi”

Skip: la bimba: lo so, lo so che vorresti acchiappare quel passerotto… ma non mi commuovo!

MaxG: Gatto: Ma hai letto che belle cose hanno scritto su Placida?
Bambina: Appena imparo a scrivere lo faccio anch’io!

Maurizio: Il gatto: non ti girare, fai finta di niente; è Mitì, con la sua miciofotomania.

MaxLaPiccolaCasa: Stanno parlando dei loro lunghi silenzi

ZiaPaperina: Nulla. Si godono il fresco e il silenzio. Beati loro.

Roger: Gatto-(sottovoce)…Che vogliono questi….????
Bimba(sottovoce)…SHHH…Non lo so..ma non ti girare..secondo me è tutta gente curiosa che non riesce a farsi i gatti suoi…UMPF..

Spikette: -Sono triste.
– Maao.
– Per fortuna ci sei tu che mi capisci.

Dedy: Stiamo vicini vicini!Frrrrrrrrrrr!!!!

 

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.

43 Replies to “Cosa si stanno dicendo?”

  1. La bimba: che dici avranno capito che la nutellagnamm l’ho mangiata tutta io, e le salsicce le hai rubate tu?
    Il micio: srlupppmiaoNO! Buondi’ Miti’;@

  2. lei bimba a lui gatto: non possiamo continuare a vederci di nascosto, mio papà comincia a sospettare qualcosa…
    lui gatto a lei bimba: sono pronto a trasferirmi da te!

    ciao cara Mitì, oggi è il mio ultimo giorno di lavoro (non in assoluto, purtroppo…). a risentirci a fine agosto, un abbraccio grande e tanta gioia a te e ai tuoi cari.

  3. fermo, stai qui, vediamo cosa scrivono quelli lì che vengono dalla Placida Signora, no, quel passero lo insegui dopo, dai, stai un po’ fermo qui con me che poi leggiamo… a proposito, tu sai leggere?

  4. Mannaggia, dimenticavo la cosa piu’ importante, SALUTARTI!da domani saro’ in vacanza, ma il 19/8 tornero’ a ficcanasare con il mio nasone su questo MITI’-CO BLOG. B U O N F E R R A G O S T O ;@]

  5. il gatto:
    belìn puscibbile che ogni vouta che me sercu in poustu au frescu l’arrive quarchedun a frattase
    “possibile che ogni volta che trovo un posto al fresco arriva qualcuno a strofinarsi”

  6. la bimba: lo so, lo so che vorresti acchiappare quel passerotto… ma non mi commuovo!

  7. Nonsonocostante, credo che sì, i gatti sappiano leggere. Ma abbiano gusti mooolto difficili. Hai notato che quando leggono alle tue spalle un libro o un articolo di un quotidiano, se non gli piace si sdraiano lunghi sulle pagine…;-D

  8. Giarina, eh…(sospiro). Pare sia inevitabile. Però pare anche che vi siano persone che non lo diventano mai. E non ho ancora capito se sia un bene o un male, per loro e per noi
    ;-***

  9. Luca, ;-D! In compenso quando si strofinano loro su di noi, e fa un caldo boia, ci lasciano tutti i peli appiccicati su braccia e gambe a mo’ di pelliccia

  10. Nulla. Si godono il fresco e il silenzio.
    Beati loro.

    Ciao tesora!!!!!!! :o*

  11. Gatto-….(sottovoce)…Che vogliono questi….????

    Bimba-…(sottovoce)…SHHH…Non lo sò..ma non ti girare..secondo me è tutta gente curiosa che non riesce a farsi i gatti loro…UMPF..

  12. Il gatto: “Vedi, è proprio come ti avevo promesso: quella sei tu tra trent’anni.”
    La bimba: “E tra trent’anni giocherò ancora con i bambolotti come adesso?”
    Il gatto: “In un certo senso, sì. Quello nel passeggino è il tuo bimbo appena nato.”

    [Non che l’orologio biologico stia iniziando a ticchettare, per carità. Ma forse a volte sarebbe per me il caso di dargli una botterella, tanto per ricordarmi che da un momento all’altro potrebbe iniziare :)]

  13. Sarei curioso invece di sapere da dove deriva il nome dei cittadini di Ivrea.
    Mi sembra che si chiamano Eporediesi.

    Cordiali Saluti
    Marco Patruno

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.