Per la Serie “I Grandi Misteri”: perché ogni 4 anni esatti ci ritroviamo un febbraio composto da 29 giorni e parliamo di anno bisesto?

Tutta colpa delle varie riforme del Calendario Romano, talmente complicate da costituire una vera jattura per chi tenti di spiegarle chiaramente, concisamente e senza possibilmente andare in tilt.

Ci provo.

Allora…

Nel 46 aC Giulio Cesare decise di riformare il vecchio Calendario Numano (da re Numa), che si basava sull’anno lunare e aveva solo 344 giorni.

Grazie alla consulenza dell’astrologo Sosigene, nacque il Calendario Giuliano (da Giulio Cesare) basato sull’anno solare con una media di giorni 365 più 1/4; ma poiché per gli usi civili serviva un anno con un numero intero di giorni, Cesare decretò di eliminare quella frazione (il 1/4) e di recuperarla come giornata intera ogni 4 anni inserendo la ripetizione del sesto giorno prima delle calende di marzoBis sextus dies ante calendas martias.

Quel bis sextus quindi divenne il nostro bisesto.

Travagliati calcoli stabilirono che gli anni bisestili fossero scelti fra quelli divisibili per 100 e il giorno in più si decise di aggiungerlo a febbraio, che allora aveva normalmente 29 giorni e così ogni 4 anni arrivava a 30 (gli altri mesi erano o di 30 o di 31 giorni, come ora).

Però, quando Augusto divenne imperatore, visto che il Giulio Cesare si era autodedicato  un mese di ben 31 giorni (luglio/Julius), per non essere da meno decise di accaparrarsi agosto (Augustus).

Ma dato che agosto aveva solo 30 giorni, in nome della par condicio gliene aggiunse unotogliendolo a febbraio che rimase solo con 28 giorni (come è ora) o 29 quando era bisesto.

Col passare dei secoli, questo calendario civile dimostrò di non andare d’accordo col calendario solare perché Madre Natura, infischiandosene dei Potenti terrestri, continuava imperterrita a regolare a modo suo stagioni, albe, tramonti e il tempo in genere tanto che nel 1582 furono ben 10 i giorni in più che differenziavano i due calendari.

Fu così che Papa Gregorio XIII volle una nuova riforma: nel suo Calendario Gregoriano soppresse di botto i 10 giorni in eccesso facendo seguire al 4 ottobre di quell’anno (era un giovedì) subito il 15 ottobre (venerdì), non alterando così i giorni della settimana, ma permettendo in tal modo di riportare la data dell’equinozio di primavera al 21 marzo, ristabilendo quindi il ciclo delle stagioni in modo concorde sia nel calendario civile che in quello solare.

E perché in futuro non si verificassero nuovi disaccordi di date,  stabilì di considerare bisestili solo gli anni divisibili per 4.

 

E arriviamo al perché si dice “Anno Bisesto, anno funesto“.

Se la storia del 29 febbraio è abbastanza astrusa, decisamente arcana è la ricerca dell’origine esatta dell’infausta nomea.

Infatti pare proprio che non sia possibile rintracciare un autore preciso del motto anno bisesto ecc., e che questa sia  una credenza popolare esclusiva delle culture di base romana.

Secondo alcuni, la malafama del bisesto deriverebbe dal fatto che febbraio era dagli antichi romani vissuto come un mese molto poco allegro: era il mensis feralis, il mese dei morti, quasi completamente dedicato a riti per i defunti e a cerimonie di costrizione e purificazione poiché, secondo il calendario arcaico attribuito a Romolo, si trattava dell’ultimo mese prima del nuovo anno, che nasceva a marzo.

A fine febbraio si tenevano le Feralia , celebrazioni solenni in onore dei dipartiti; poi c’erano le Terminalia, dedicate a Termine dio dei Confini, e infine le Equirie , gare di corsa nel Campo di Marte attraverso 12 porte (come il numero dei segni zodiacali) per 7 giri (come il numero degli antichi pianeti).

Queste gare erano il simbolo della conclusione di un ciclo cosmico, quindi simbolo di morte e di fine; e per tutte le culture il passaggio dal Vecchio (conosciuto) al Nuovo (sconosciuto) è sempre cosa inquietante.

Uno dei pochi uomini di cultura che mise nero su bianco la sua opinione sugli anni bisestili, fomentando l’inquietudine e la paura, fu nel XV sec. il medico Michele Savonarola, tipetto lugubre e geremiante, degno nonno di Gerolamo.

Egli affermò che i bisesti erano nefasti per greggi e vegetazioni; che portavano impennate di epidemie malariche e che erano controindicati per tutto ciò che riguardava l’acqua: quindi niente bagni e cure termali, ma soprattutto attenzione a funestanti diluvi e alluvioni.

E altri allegroni, nel tempo fecero notare come i bisesti fossero anche forieri di fenomeni sismici, tirando in ballo la coincidenza dei  terremoti di Messina, Belice, Friuli, Armenia, avvenuti tutti in anni bisestili.

In realtà, l’anno bisestile è considerato funesto solo perché sin dai primordi della civiltà, tutte le cose anomale rispetto alla norma (come le eclissi, le comete, le piogge colorate ecc), venivano considerate di cattivo auspicio; un anno diverso dagli altri era strano, “mostruoso“, e perciò – scatenando le paure irrazionali ed ataviche dette superstizioni– giudicato sicuramente foriero di avvenimenti imprevisti e particolari.

Ma oggi sono cose superate.
Vero?
Vero?? ;-)

©Mitì Vigliero 

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.

44 Replies to “”

  1. NO,no, non e’ vero! certe superstizioni sono dure a morire, lo sai anche tu come si dice, non e’ vero ma ci credo, per esempio, quest’anno il 4 agosto,mio compleanno, avanza di un giorno e viene di Lunedi’,non saro’ in ferie, dovro’ lavorare, fara’ caldo,e tu non la chiami sfiga pazzesca? Ma alla fine di tutto basta la salute,quanno c’e la salute, c’e tutto, basta la salute, un par de scarpe nove, e poi gira’ tutto er monno.. BUONGIORNO DOLCE ;ò)))

  2. Cose superate? Ma se mia nonna sta seminando il panico in casa da quando ha comprato il nuovo calenadrio francescano (lo compra già a settembre)! :-D

  3. l’unica cosa certa è che dopo il 28 febbraio ci sarà il 29 febbraio e che in virtù di ciò…lavoreremo un giorno in più…perciò….guadagneremo di più..di conseguenza…pagheremo più tasse…aumenteremo il prodotto interno lordo..e..il bilancio dello stato ritornerà in attivo…

    per la serie…

    “Se l’ottimismo è il (pro)fumo della vita, il pessimismo ne è l’arrosto”

  4. A me – e a molti cancerini che conosco – l’anno bisesto non sembra affatto funesto.
    Dicevo da me che in un anno bisesto sono nata e in un altro mi sono sposata, e nessuna delle due la considero una sciagura ;)
    (sembra che finora, anche il consorte sia d’accordo)
    Poi dicono anche che le donne nate in un anno bisestile siano un po’ streghe e questo, preso in senso buono, non è affatto un male.

    Sei d’accordo anche tu, vero? ;)

  5. Non credo siano cose superate, almeno tra persone non giovanissime. C’è gente che vive dall’inizio dell’anno in attesa di ipotetiche disgrazie che dovranno verificarsi… e se le va quasi a cercare. Anche le sciocchezze che accadono all’amico dell’amico, se le ricorderà come proprie, perché avvenute in anno bisesto e funesto!
    Per quanto mi riguarda, sono anni come altri, con un solo numero in più sul calendario (e non sono giovanissima)!
    Un abbraccio

  6. purtroppo la mia famiglia ricorda bene più di un anno bisestile perciò , anche se non è vero ma ho dovuto crederci ,mi premunisco e butterò una quintalata di sale dietro la porta :)

  7. Beh, per me devono essere credenze superate per forza, visto cosa farò in questo inizio di anno bisesto! E poi comunque è vero: sarà un anno decisamente “anomalo rispetto alla norma” :-)

  8. La riprova che il bisesto è funesto sta nel fatto che in questi anni si tengono gli europei di calcio e l’Italia è stata sempre sfortunata in questa competizione…

  9. ma sai che io ho appreso che sarebbe stato un anno bisestile dal tuo post? *__*
    non so perchè ma, a me piace l’anno bisesto con il mese di febbraio che finisce in data 29, con un numero dispari.. ^__^

  10. Si usa dire anche che l’anno dopo il bisestile, sara’quasi funesto come quello precedente. Ma nel terzo millennio queste cose sono superate!!! O no?
    Ciao a tutti da Tittieco

  11. Ma oggi sono cose superate.
    Vero?
    Vero?? ;-)

    Lo spero proprio.
    Anche perché il prossimo 29 febbraio ho appuntamento con Robert Smith, i suoi soci e diverse migliaia di persone…

  12. “L’an bisèst e’ va sò tòtt al pèst”(nell’anno bisesto si sposano anche le brutte).
    Dal Dizionario Romagnolo di Gianni Quondamatteo.

    Ciaooo!

  13. bè almeno c’è l’augurio di matrimoni….foza che in italia , oltre alle varie crisi,c’è anche quella demografica

  14. Adoro gli anni bisestili, forse perchè sono nata proprio in uno di questi. Spero che mi porti tanta fortuna, perchè ne ho bisogno!!! Baci e buon anno!

  15. io cerco sempre di risalire controcorrente come i salmoni e allora…diamogli credito a questo 2008, magari è l’unico a essere stato incaricato di contrastare la fama dei precedenti! Io ci provo poi vi dirò. Per mimosa fiorita un suggerimento. Prima a scuola e poi al lavoro il giorno del mio compleanno me lo sono preso sempre di vacanza. E’ un bel modo per festeggiarsi, non per scappare dalla realtà ma per farsi un regalo.ciao

  16. macché superate… un mio amico si è sposato il 22 dicembre del 2003 per non sposarsi nel 2004, bisestile. roba da pazzi :) e non passa nemmeno sotto le scale, non attraversa la strada se un pastore maremmano gli ha tagliato la strada, e cose così.
    gli voglio bene, ma mi piace troppo prenderlo in giro per la sua superstizione!

  17. i gatti neri mi piacciono, così come i gufi, le civette che si mettono a strillare all’improvviso, i corvi li trovo simpatici e NO, non credo alle superstizioni.
    Corna facendo.

  18. Già. Non per nulla si dice: Non è vero, ma ci credo. ;-D
    Io so solo che ho avuto gioie e dolori equamente divisi fra anni bisesti e anni “normali”. E che invecchiando mi accorgo di guardare al futuro sempre con un pizzico di ansia in più; ma è naturale.
    Più si “diventa grandi”, più aumentano le preoccupazioni; responsabilità, persone anziane vicino, una minore forza fisica per affrontare galòp di ogni genere.
    E poi c’è anche la presa di coscienza di una mondiale situazione sociale/economica non delle più trulle…
    Ma sono convinta che un anno valga l’altro, nel bene e nel male. :-)**

  19. Lo so che, con tutti gli anni passati a studiare fisica e matematica, a certe cose non dovrei dare alcun peso. E invece… continuo a toccare ferro quando la situazione lo richiede, leggo religiosamente l’oroscopo ogni fine settimana, giro il picciolo della mela prima di mangiarla contando le lettere per scoprire l’iniziale del nome dell’uomo che mi amerà per sempre… ops, ora che la vedo scritta mi rendo conto che forse quest’ultima è un po’ eccessiva ;)

  20. Ah ah! Io come eloise mi sono reso conto solo leggendo adesso tutto sto’ messaggio che il 2008 è bisestile! Tra l’altro sono capitato qui xkè mia zia m’ha ciesto info sul detto popolare.
    Mah, che devo dirvi, io sono insensibile a queste cose, perchè se dovessi pensare a tutte le cose che portano sfiga dovrei avere i miei “gioielli” consumati, le mani con un tumore per avvelenamento da ferro, le gambe storte (x ki nn si alza dal letto col piede sinistro), dovrei rischiare di fare incidenti x evitare di farmi tagliare la strada dai gatti neri, ecc… Non ci pensiamo, ragazzi, andiamo avanti senza condizionamenti. E poi, siccome nel 2007 sono stato negligente verso lo studio e mi sarei potuto laurare, è stato + funesto quello, come anno!
    CIAO!

  21. questo anno bisestile mi affascina un sacco…però vorrei saperne di più, tipo storie su streghe o cose così….io però spero che non sia funesto…ho l’esame di maturità quest’anno….

  22. Pingback: Placida Signora » Blog Archive » Un giorno magico

  23. Mah, in Cina visto il terremoto non sarebbero molto d’accordo, sapevo di queste dicerie ma nn ci credevo, ma da quando è iniziato il 2008 di venerdì ho incidentato, è morto mio nonno, ho perso altre persone, mi hanno chiuso il conto in banca, rubato occhiali e tergicristalli e siamo solo a Maggio, tutti quelli che mi conoscono mi considerano una super ottimista, ma per me questo è un anno funesto!

  24. vorrei una risposta a questa domanda, se sono davvero tutte dicerie e “altri allegroni, nel tempo fecero notare come i bisesti fossero anche forieri di fenomeni sismici” come mai terribili fenomeni sismici capitano solo negli anni bisestili? Nel 2004 il terribile tsunami e adesso in Cina…

  25. E’ proprio vero questa credenza…Io non volevo crederci ed invece…Allora, l’anno l’ho iniziato litigando col mio ragazzo e rompendo con lui un paio di mesi dopo. Nel frattempo un’amica di mia madre quasi muore per un cancro fulminante al cervello. Ad una mia amica muore un cugino giovane. Mio nonno ha una recidiva di cancro (che sembrava esser stato debellato un anno prima) che tutti noi tremiamo. E stiamo solo ad Aprile. Arriviamo all’inizio dell’estate e un ragazzo di cui mi ero invaghita ma che credevo diverso è un cretino e per svariati motivi rompo anche con la mia comitiva. A luglio muore mia nonna inaspettatamente. Mio nonno cade in depressione e non si sa come fare. A noi ci arrivano da pagare delle cose che una somma così…va beh…lasciamo perdere…A me vengono gli attacchi di panico che per giorni non posso uscire di casa. Arriviamo ai giorni nostri e una mia cara amica si è rotta i legamenti della caviglia e si deve operare (dopo che il medico del ps non ha azzeccato la diagnosi quindi ha passato un mese immobilizzata prima di sentirsi dare questa bella notizia)la macchina mi si è rotta per due volte di seguito e mi è morta la gatta dopo 15 anni di vita. Ho 25 anni e un pò di cose le ho vissute, non è che non abbia mai avvertito la Sfiga incombente sulle mie spalle o dei miei cari, ma come quest’anno mai…

  26. Pingback: Placida Signora » Blog Archive » Un aggettivo per l’anno che verrà

  27. chiedo agli esperti:l’anno sisestile quando incomincia e quando finisce-l’annobisesto incominciail 1,gennaio al 31dicembre? grazie della Vostra risposta-