Pioggia

Piove, madonna come piove, senti come viene giù… 

gatti-pioggia.jpg
(foto Gattoamico)

Pioggia in dialetto

piovaVeneto

aeguaGenovese

piovaBolognese

ploe Friulano

pieuva Piemontese

pioeùvaMilanese

piòggia-chiove Napoletano

…e nelle altre regioni, come si dice?

E quali proverbi/modi di dire dialettali e non, conoscete sulla pioggia?

***

 

LupoSordo: Chiov’Puglia del nord. Stizzichea = piovigina. Svavea = Quando c’è la pioggerelina ancora più sottile che molte volte è creata dall’umidità

Catepol: chiovi = piove; “a jetta cu’i cati” = la butta giù coi secchi quindi diluvia; za(c)halija = pioggerellina(dialetto vibonese)

PaoloBeneforti: piove e c’è il sole/ la Madonna annaffia un fiore

Alberto: Ponente ligure Aiga

Rosidue: Tipo di pioggia: Assuppaviddani– pioggia lenta e sottile che fa continuare il lavoro nei campi fino a inzuppare completamente u viddanu – il villico. in siciliano si usa il verbo
chiovi – piove
sta’ chiuvennu – sta’piovendo
finiu di chioviri – ha smesso di piovere

Cynaro: aggiunta sul siciliano. a palermo non “chiove” spesso. più che altro “sbrizzìa” pioggerellina delicata e breve.

Roger: qui

Larvotto: direi l’immancabile “piove, governo ladro” :D In dialetto reggiano comunque è “piòv’

Roquentin: nel napoletano meno inquinato dall’italiano la parola “poggia” non esiste. Esiste il verbo “chiòvere”, “piovere”, intransitivo. Il napoletano dice, per esempio, “Oggi chiòve” e non “Oggi c’è pioggia”. Circa i modi di dire, mi viene in mente solo “Chiove a zeffunno” (piove a dirotto). C’è anche una variante più antica “Chiove a langelle” che significa grosso modo la stessa cosa, però contiene una piccola variazione. Si può tradurre anche con “Piove a scrosci”, come se l’acqua venisse versata da un orcio. Lo precisa Renato de Falco nel suo “Il napoletanario” (edito a Colonnese) che aggiunge: “ricorda il pluebat urceatim del Satyricon di Petronio (che, guarda caso, si svolge proprio a Napoli)”.

SB: Mi viene in mente una filastrocca che mia nonna mi cantava sempre quando piove ma un raggio di sole filtra tra le nuvole:
Piove e c’è i’ sole
la Madonna la coglie un fiore
la lo coglie per Gesù
e domani un piove più
!”

MimosaFiorita: qui

Brigida: cielo a pecorelle pioggia a catinelle .

Luca: Levante ligure ciòve
Ciùvii
ciuviva forte ma u nu s’è bagnou perchè u l’è passou tra na gussa e l’atra (pioveva forte ma non s’è bagnato perché è passato fra una goccia e l’altra, NdPS)
Ciove e luxe u sou l’a raggia di pastou u can u fa a suppa u gattu u ga mangia tutta
Piove e brilla il sole e la rabbia dei pastori il cane fa la zuppa il gatto gliela mangia tutta

Marchino: Quando è fine fine, qui si dice brümèla. E poi c’è il detto: piòf sül sciur e sül puarèt. (piove sul ricco e sul povero, NdPS)

Blimunda: Ricordo di mia nonna, che mischiava piemontese e genovese: “Cioeve, bagneuve, e gallin-ne fan e oeuve!” (Piove, bagnatevi, le galline fanno le uova). Io dico sempre: “Ora ci prendiamo una bella “ramata” d’acqua”, traducendo direttamente dal genovese, e il mio milanesissimo compagno ride come un matto sulla parola “ramata”. Adesso, però, lo dice anche lui.

Solitaire: In alcune zone della Calabria ho sentito *schizzìari* e *zafalìari* – piovigginare.
Ed il detto *A chjioviri e a moriri ‘ci voli pocu*. 

Partenio: A Piacenza si dice che “scarnébbia” quando cade una leggerissima pioggerellina nelle giornate nebbiose. Invece questa filastrocca era cantata quando il sole riappariva dopo la pioggia: Piòva e gh’è ‘l sul / la Madonna la dacqua i fiur / la dacqua i fiur cun l’insalata / la Madonna l’è mèza mata (piove e c’è il sole / la Madonna innaffia i fiori / innaffia i fiori con l’insalata / la Madonna è mezza matta)

Michele: comunque aggiungo che dalle mie parti (caserta) mia nonna diceva “chiove a rangellate”, ma penso abbia lo stesso etimo di “langelle”

AndreaPerotti: Se piove tra luglio e agosto piove miele, olio e mosto!

Gianluca: in romagnolo: piòva (come in veneto e in bolognese…), spiuvégna (con la g dolce, quando “pioviggina”), il romagnolo in questo è abbastanza comprensibile…

Rosidue: Ad aprile ogni goccia un barile.

Anna: “Vento di tramontana la pioggia allontana”. Il modo di dire “Piove sul bagnato” può valere per chi ha tanta fortuna ma anche per chi è molto sfortunato…In alcune zone della Ciociariachiòve”: piove; “schizzichéa” quando cade una pioggerellina sottile.

Boh: a Perugia quando piove piano (o forse in tutta l’Umbria) si dice “pioverilleca”!

Cristella: In Romagna è la piòva. “L’è na piòva ch’la bat s’i còp” (è una pioggia che batte sui coppi)

Sonny&Me: Sta ‘nziddriscia = pioviggina (Nord Salento).
Il rumore della pioggia secondo una allitterazione futurista:
“cheli donge, cheli donge,
opecherè, opecherè.
Tze tze, tze tze.
tt. zz.
t. z.”

Tantovale: “si nun chiovi, chiuvìddica”. Detto siciliano un po’ pessimista, sta per “se non piove, pioviggina”, ossia se non va male del tutto, va comunque un po’ male. E confermo, non c’è una parola per “pioggia”, si usa “acqua” (es.:”ci fu un corpu d’acqua chi m’assuppavi”, letteralmente:”c’è stato un colpo d’acqua che mi sono inzuppata).

oRion: A Macerata: piòe (’o’ aperta) = piove
ha piórdo (’o’ chiusa) = ha piovuto
piuccica = pioviggina

Vipera76: In provincia di Bari si dice:
Piove: Chiouv
Pioviggina: Ins’dcaesc
Piove forte : Intrn’naesc
Tuoni: Tron’r
Lampeggia: D’lampaesc

Lesorja: In Barbaricino quando piove si dice che “est proghènde”, da “pròghia”, anche se normalmente è più facile sentir parlare di semplice “abba”, cioè acqua. Se invece pioviggina si dice che “est rosinènde”, ovvero “ròsinat”.

Pispa: “piòv ‘e piòv
tut i vecc i fa l’amour
fa l’amour in’tna cassètta
piena d’ovva e merda sècca

detto romagnolo vecchio come il cucco, avrà i suoi centanni e più :)))
(ovva è l’uva, perché è d’autunno credo)
e poi c’è il famoso detto inglese
it’s raining cats and dogs” letteralmente “piovono cani e gatti” in effetti è quando piove molto forte

AndreA: In sardo, qui nel campidano, si dice:
ACQUA !!
Si, proprio così…Se si deve dire che: “sta piovendo”, però diventa : ” esti proendi

Naima: a Roma c’è la sgrullata e lo sgrullone che sono piogge forti ed improvvise. Poi c’è l’acquetta quando fa quella pioggerellina (tipida di Roma) detta anche “la pioggia der fregnone” perchè sembra che piova appena appena tanto da non bagnarti ed invece torni a casa zuppo.
Un proverbio carino è: “quando San Pietro mette er cappello,fuggi monello!” (perchè sta per piovere)che poi è stato modificato con “prendi l’ombrello”. Ancora “Piove cor sole tutte le vecchie fanno l’amore”, “Si piove pe li quattro aprilanti, piove quaranta giorni duranti” (nel senso che il tempo che fa il 4 aprile dura per 40 giorni).

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.

53 Replies to “Pioggia”

  1. Piove, piove,
    la gatta non si muove.
    Si accende la candela,
    si dice buonasera.

    Piove piove in ogni dove
    ma però che piove a fare
    dentro i fiumi e dentro il mare?

  2. scusa, me lo ero perso ‘sto post, non so se serve ancora ma qui a rutigliano, provincia di Bari si dice
    kiouv

  3. Questo l’avevo perso.
    Da me (sempre urbisaglia, sempre marche)la pioggia si traduce “la pioa” ma è + comune sentir dire “lo pioe”, il piovere.
    Per quanto riguarda i proverbi…
    “Pioe e fa lu sole se marita le cucciole”
    (quando piove e poi viene il sole escono a “maritarsi” le chiocciole”
    Se me ne tornano in mente altri…ripasso :-)
    Perdona il ritardo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.