Le cose che piacciono a me

Ricorderete tutti il film Tutti insieme appassionatamente; una delle canzoni più carine è My Favorite ThingsLe cose che piacciono a me“. Purtroppo su youtube c’è solo una versione originale dal sonoro fallato, quindi non la linko; ma il testo in italiano inizia così:

Cieli pieni di stelle
gocce di pioggia sul verde dei prati
…sciarpe di lana, guantoni felpati,
più che il sapore, il colore del the:
ecco le cose che piacciono a me!
Torte di mele, biscotti croccanti,
bianchi vapori dai treni sbuffanti,
quando ti portano a letto il caffè.
ecco le cose che piacciono a me!

E prosegue con un elenco di tutte quelle piccole grandi cose che possono rendere felici, senza un motivo particolare: semplicemente perché ci piacciono.

Se dovessi farlo io, quell’elenco, direi: il profumo del pane e del pitosforo, il sapore della focaccia, il pesto, gli odori di fieno, cuoio, tartufo e camino, le giornate lunghe dell’estate, i gatti e i gufi, i limoni e le castagne, il cielo intorno alla luna piena, menta e cioccolato, il letto con lenzuola appena stirate, il colori rosso, glicine e turchese

E quale sarebbe il vostro elenco?   
***

 

Valentina: il sole, il mare, il profumo della focaccia che cuoce nel forno, quello di legna che brucia, la torta al cioccolato, le lasagne al forno, i girasoli e i tulipani, i vestiti colorati, i maglioni a collo alto, i bastoncini di incenso e le candele profumate alla vaniglia…

Sciura Pina: Il rumore della pioggia di notte, il fuoco del camino, il profumo del bosco quando piove, la lavanda nella biancheria, la rugiada sui petali dei miei fiori, il gusto del cioccolato amaro amaro, il canto dei grilli, una lucciola sulla siepe…

Lupo Sordo: Risvegliarmi con accanto la mia ragazza in un letto a una piazza, il pane pugliese fresco e croccante, l’odore della frittura di pesce di mamma, un bambino che mi sorride, la mozzarella di bufala appena fatta, il Gargano in lontanza quando torno a casa, una giornata di sole, i torridi e silenziosi pomerigi estivi nella masseria della mia famiglia, quando faccio ridere le persone a me più care.

Roger: il rumore del mare in una spiaggia deserta, il profumo del bosco in autunno, il ticchettio della pioggia ascoltato mentre si è nel dormiveglia mattutino, il silenzio del deserto, l’immensità del cielo africano, il profumo del gelsomino in fiore…

LaSpostata: L’odore del cemento bagnato di pioggia; il profumo del caffè che sale in cucina; il profumo delle panetterie; le voci dei miei genitori; le fusa della mia gatta; quell’atmosfera carveriana che si crea quando ci si ritrova, con amici o amanti, davanti a qualche bicchiere, a parlare piano e profondamente e gentilmente; le persone che rispondono al mio sorriso; i ricordi dell’infanzia; il sapore del mare sulla mia pelle; l’odore del mare e dell’agave intorno; i monti liguri; Genova; tutte le cose buffe.

Sonny&Me: Eukanuba e farfalle impazzite.

Vipera76: Gli alberi d’ulivo e i muretti a secco della campagna pugliese, Firenze, il mese di maggio, le tradizioni popolari, le pizziche e le tarantelle, la voce di Fiorella Mannoia, il cioccolato, la focaccia e le torte di mia nonna, l’odore dei libri, il mare, le erbe aromatiche del mio orto(salvia, lavanda, timo, origano, rosmarino, rughetta, ginepro, ecc.), le melagrane, gli agrumi, i vestiti vintage, il vino rosso, la sincerità, gli ideali socialisti (quelli veri), il teatro e la poesia, i cani, i cavalli, tutti i fiori del mondo…

Cristina: Le montagne, la neve, i fiumi i laghi i colori dell’autunno la luna piena le albe i tramonti. L’ascoltare e comunicare. La lettura in silenzio nel bel mezzo della natura. Il profumo delle castagne che cuociono, dei vestiti appena lavati; i gatti, i ricci, i girasoli la cioccolata. Una telefonata inattesa, un abbraccio le coccole, i sorrisi, la Sincerità.

Fran(cesca): l’insalata del mio orto, quel merlo li’ che mi segue come una gallina, un quaderno nuovo, le penne stilografiche, un portamatite pieno di colori; il profumo dell’autunno, un bicchiere di vino buono, una tavolata di amici; le librerie e le promesse racchiuse in un libro appena comprato; il peso dello zaino sulle spalle e gli scarponi nei piedi, la sera nei rifugi soprattutto se fuori nevica, una cartina topografica e l’imbrago pronto; la voce di billie holiday, (continua

AlienoPerCaso: Il rumore delle onde del mare, il profumo della spiaggia, la fragranza di una pineta, il ticchettio della pioggia, il peccato, la passionalità, il bisogno del contatto fisico, il profumo dei bambini, le fusa del mio gatto, la dolce essenza della pelle della mia compagna…e molto altro ancora!

Boh: In pool position e allo stesso posto c’è il mare, gli animali, una Ferrari rossa (non da pista né “familiare, una sportiva classica intendo), un trattore rosso, i libri (anche come oggetti fisici), i miei amici amatissimi, mia madre (ma che caratteraccio!:)), le mie Piante, il verde e la natura, il sole (ma sto sempre all’ombra), la gentilezza, il sorriso, e anche te Placida, che mi rassereni e mi piace leggerti e parlare con te, anche quando non parliamo solo di trivialità.:)

Imma: Il profumo dei dolci di natale, l’odore dei pini, il profumo delle panetterie, il profumo del basilico (si l’olfatto per me e’ MAGIA!!!)la mia gatta, il mare, un tramonto, il sorriso di mio marito, la manina di un bimbo, la voce dei miei… tutte cose “banali”, semplici quotidiane…

Eìo: Paradossalmente una delle My favorite things è My favorite things (in una delle mille versioni di John Coltrane) ;)

Naima: le luci dei paesi di notte, il mare in tutti i suoi colori ed i suoi luoghi, la luna, l’odore dei pini nell’ora panica, il vento che porta via le idee ed apre il cuore, mozart, i carciofi alla romana, i miei gatti, le peonie, le rose, l’odore dell’india, l’energia di parigi, la voce e le canzoni di battiato, le scarpe rosse, le carte geografiche, i festoni di lucine, il ‘900…

Brigida: l’amaca e il sole, il succo d’arancia, i colori, la tela i pennelli, una pagina bianca, il cioccolato al latte, la pizza, le lunghe camminate, le corse e l’aerobica, vestiti leggeri, mia madre che cucina e mio padre che torna a casa

Anna: Il profumo del caffè appena sveglia, del pane e dei dolci appena sfornati e quello dei fiori di gelsomino, il caminetto acceso, il rumore delle onde del mare, i colori del bosco in autunno, il blu, l’alba e il tramonto, gatti, cani e conigli, i fiori di campo, Venezia, il bolero di Ravel, i notturni di Chopin, i libri di Camilleri, di Benni…

MariCri: – un buon bicchiere di vino rosso- i dolci con la cannella (apfelstrudel in primis!)- i miei libri (tutti, ma quelli d’arte sono come una parte di me)- la neve- gli acquazzoni estivi- passeggiare per Venezia la mattina presto, tra le calli deserte- le scarpe con i tacchi impossibili (che poi non ci sappia camminare è un’altro discorso!)- il profumo dei mughetti e delle rose- i cioccolatini di Torino- ascoltare la voce di Maria Callas

Paolo: I gatti => leggere a letto con accanto qualcuno di loro che mi fa le fusa-La collina davanti casa mia-Le ragazze con le infradito-Girare in bici per il quartiere di San Jacopino a Firenze (ci sono nato)

Bloggointestinale: Magari vi vien da vomitare, ma io vi giuro che la mortazza e la nutella, insieme, si mangiano che è un piacere.

Luca: ovviamente tutti i miei profumi pesto basilico focaccia anicini cotognata e torrone, l’odore della macchina nuova…. le nevicate quelle belle di montagna quelle che fanno rumore…. il freddo che ti punge il naso, il fumo del barbeque, mia figlia che danza, i tramonti dietro a portofino guardando dalla mia finestra, i cassetti di fotografie scartate e mai buttate. il martedi mattina con la mia Ina a letto con caffè e cornetti caldi

Mareadiluce: guardare il cielo di giorno per l’azzurro, di notte per la luna, stare da sola, la terra natia, leggere, scrivere, disegnare,i tramonti, la mia famiglia,parlare a tu per tu con una persona a cui tengo, gli abbracci dell’amore mio.. queste le cose che piacciono a me.

Comidademama: marta che viene a dormire con me, ma solo quando non ha i piedi gelati,tutta la mia famiglia, cucinare da sola ed in silenzio seguendo i miei pensieri, le giornate di sole, il profumo del caffè, la vista di un bel porto e di una baia sul mare o su un fiume (e penso in particolare a Genova, ad Amsterdam e a Boston), passeggiare senza meta per vedere tutto il possibile, chiacchierare con Isa quando cucina, conoscere nuove persone, tornare stanca a casa dopo una buona giornata di lavoro, i quattro hammam di Torino, le Terme di Merano, il getto di acqua calda sulla nuca, starmene tranquilla per conto mio.

Roberto: Matilde, la Montagna, i Libri.

Rick: * Una serata com i miei amici di sempre
* Il primo appuntamento
* Dare un bacio a mio figlio quando dorme
* Dolcetto di Dogliani con filetto di chianina
* Una sigaretta mentre scrivo una scemenza su “Poca”
* La seconda volta che faccio l’amore con una donna
* Nutella su focaccia
* Passare una piacevole serata quando invece ero preparato al peggio
* L’odore della prima pioggia d’autunno

Luigi: il mare
il silenzio
l’odore dei campi d’aglio selvatico
i profumi di cucinato la domenica mattina
l’acqua della doccia
la sua pelle
le stelle
il bosco umido ed ombroso
ridere di nulla e senza freni con un amico
pane e prosciutto e un buon bicchiere di vino rosso
il tepore della primavera
le giornate lunghissime dell’estate
il rosso dell’autunno
i tramonti più sfacciati
le primule.

Stefigno: il mare,le onde del mare, il vento, il fruscio del vento in un campo di grano, il sole negli occhi,la sabbia, le montagne alte, la neve, i prati verdi verdi,gli uccelli, il loro canto,fissarmi a guardare il cielo con il naso rivolto all’insù..

P4T: le luci di Natale, il barbecue con amici, il profumo di benzina, la musica di Battiato e di Britney Spears, ricevere un sacco di email, il giorno del mio compleanno, il mio gatto Fufino, il profumo della lacca di mia nonna T (continua)

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.

57 Replies to “Le cose che piacciono a me”

  1. film molto bello , l’avevo visto!
    mi piace : il mare,le onde del mare, il vento, il fruscio del vento in un campo di grano, il sole negli occhi,la sabbia, le montagne alte, la neve, i prati verdi verdi,gli uccelli, il loro canto,fissarmi a guardare il cielo con il naso rivolto all’insù..

  2. le luci di Natale, il barbecue con amici, il profumo di benzina, la musica di Battiato e di Britney Spears, ricevere un sacco di email, il giorno del mio compleanno, il mio gatto Fufino, il profumo della lacca di mia nonna T (e anche il suo deodorante) restare in pigiama tutta la domenica, comprare rossetti, sfogliare i volantini delle promozioni dei supermercati, ridere, mangiare, la doccia bollente con il docciaschiuma preferito, entrare nel mio letto con le lenzuola appena lavate, fare molto parla-parla e fuma-fuma con la mia amica Sisa, cantare a squarciagola in macchina con la Micky, stare tra le braccia di R, fare le maschere di bellezza sempre a R, ridere con mio cognato M, fare il pieno alla Matiz, vedere un bel film al cinema e mangiare una tonnellata di pop corn, i temporali senza gradine, la neve a Natale, i crocus e i tulipani di ogni colore, le serate estive in giardino, i picnic lungo il fiume, i messaggini del buongiorno, il venerdi sera sul divano, ricevere regali, guardare i cartoni con i miei cuginetti che ti anticipano sempre il finale, la lavagna e i gessetti, rompere il gesso con le dita, la “panata” e la polenta, il sabato mattina in giro per spese, il risotto a i funghi, il fotoblog di bubat.it e il blog di nonsolomamma.com,
    mia cugina di due anni quando cerca di coniugare i verbi, provare nuove cremine e shampini, la mia casa quando è pulita e profuma di MastroLindo profumo di limoni, leggere sul water, leggere fino a tarda notte il venerdi, avere la cassetta della posta piena…continuo?

  3. Arieccomi di nuovo all’appello dei tuoi post dunque, l’odore di talco di un neonato,il profumo della pelle che emanava la mia mamma, il profumo del mare in inverno, il pane appena sfornato, l’odore della ciocolata,l’odore del caffe’ che mi arriva dalla signora del piano di sotto, l’odore della pioggia sulle foglie di Lungotevere dei Vallati,il profumo della legna bruciata, il sorriso di mia nipote quando prende 30 ad un’esame, il sorriso senza denti di Mattia 8 mesi, quando mi vede e allunga le braccine verso di me, il mese di Agosto,il profumo della parmigiana di melanzane, pomodoro e basilico, ed anche il profumo della MIMOSA e delle fresie, epppoi il profumo che uso ” si puo’ dire? vabbe’ io lo dico, HAPPY di CLINIQUE” buona settimana Placidissima ;-))))

  4. Coccolarsi: rigirarsi la mattina presto, dopo paver spento la sveglia e continuare a dormire pisolando; dormire; farsi un bel bagno/doccia calda con tanto di massaggio successivo; andare in piscina/palestra; mettersi i vestiti preferiti che fanno ci sentire irresistibili; stare sdraiati al sole; andare in spiaggia la mattina presto o la sera al tramonto; vagare passeggiando prigramente per le viuzze della città; esprimere un desiderio di fronte a una torta con le candeline; stare sotto il piumone quando fuori fa freddo; camminare sotto la pioggia.Coltivare la propria testa: scrivere; leggere un buon libro; ascoltare musica rincuorante; guardare un film avvincente e interessante; leggere delle riviste in riva alla spiaggia; fare fotografie cogliendo gli attimi imperdibili; cantare a perdifiato; suonare il nostro strumento preferito; ballare musica travolgente; viaggiare; curiosare per mercatini; circondarsi di cose belle ed armoniose (il senso estetico è molto importante!).Mangiare&Cucinare: prepararsi cose sane e gustose; permettersi con qualche piccolo vizio; affondare un cucchiaio nella Nutella; andare al mercato a fare la spesa e poi preparare un buon piatto; andare in un ristorantino particolarmente gustoso (bello, buono, accogleinte etc.). Con Tatto: stare sdraiati nel lettone con i propri figli; addormentarsi mano nella mano e svegliarsi la mattina cercandosi nel letto; lasciarsi corteggiare; parteciapare a una bella discussione; stare a cavoleggiare con i vecchi amici di sempre magari a tavola o di fronte a un camino. Sono alla ricerca di altre idee…

    tempo fa ne avevo scritto un post.. eheh

    ciao Buona settimana!

  5. l’odore durante la vendemmia, il mare sconfinato tutto intorno, il sorriso di mia moglie, il suono della chitarra, il silenzio in cima ad una montagna, i cerchi nel lago quando getti una pietra, un buon vino in compagna, il libro consumato dalle innumerevoli riletture, il panino con la mortadella durante le gite scolastiche, il volto di sorridente di chi hai appena aiutato, il rumore di un fuoco schioppettante in un camino, il latte appena munto e ancora caldo.

  6. Sono generalmente cose semplici, legate alla cucina, alla tradizione, alla famiglia o alle stagioni. Il problema non è quali sono, saranno divese da persona a persona, ma è che si corre il rischio di dimenticarle, se ne perde la coscienza! Sto raccogliendo le cose da ricordare; vado a mettere un appunto. Allora grazie per l’occasione. Ciao.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.