Il Matrimonio

Proverbi, Modi di dire e Aforismi

Si dice che il primo sonno tranquillo di Adamo sia stato anche l’ultimo, perché quando si svegliò aveva moglie; e già il primo matrimonio della storia non fu del tutto facile, visto la cacciata dall’Eden, il fratricidio, e tutte quelle belle cosine che ne seguirono.

Forse è per questo il matrimonio è da sempre uno dei grandi ispiratori -in negativo- di saggezza popolare e motti vari; quel misoginone di Disraeli affermava “sono convinto che tutte le donne dovrebbero sposarsi, ma non l’uomo“; per quel cinicone di Dumas figliola catena del matrimonio pesa tanto, che bisogna essere in due a portarla, e a volte anche in tre” e per quel mugugnone di Roberto Gervasoai matrimoni gli uomini ridono e le donne piangono perché i primi non sanno che cosa li aspetta, le seconde sì“.

Per il poeta Heinecolui che si ammoglia è come il Doge che sposa il mare Adriatico. Egli non sa che cosa ci sia dentro quella che sposa: tesori, perle, mostri, tempeste ignote“.

A questo proposito a Bologna dicono “ch’is marida, zuga un térn al lòt“, chi si sposa gioca un terno al lotto, perché effettivamente non si è mai del tutto certi di azzeccarlo.

Se per i tedeschi matrimonio fatto solo per amore fa viver con dolore“, perché l’infatuazione può passare in fretta e cadono le fette di prosciutto dagli occhi innamorati, per Maurice Donnay certe donne, il giorno dopo il matrimonio sono già vedove del marito che avevano immaginato” ma la frase, maschietti miei, è perfettamente ribaltabile.

D’altronde “il matrimonio è come la morte, pochi ci arrivano preparati“, e così può accadere di dover dare ragione a chi giura ” nel matrimonio,un mese di miele ed il resto di fiele“.

Il sarcasmo spesso si spreca; la bellissima attrice Kim Novak a chi le chiedeva perché non si fosse mai sposata rispondeva “a casa ho già tre bestiole che assolvono la funzione di un marito: un cane che brontola, un pappagallo che impreca e un gatto che rincasa sempre tardi la sera“.

Karl Kraus, alla stessa domanda: “Poiché la legge proibisce di tenere in casa animali selvaggi e gli animali domestici mi annoiano, preferisco non sposarmi“: forse è per questo che Ceronetti scrisse “dopo l’abolizione delle lotte dei gladiatori, i cristiani istituirono il matrimonio“.

Ma nonostante tutte le lagne, la gente continua lo stesso a voler vivere in due.

Nel matrimonio non si finisce mai d’imparare e questo non è male” dicono gli spagnoli; infatti siamo tutti coscienti che non esistano regole precise per far ben funzionare una convivenza sentimentale.

Gli olandesi dicono “per un buon matrimonio ci vuol altro che quattro gambe nude dentro un letto“, perché anche la passione può svanire; servono raziocinio e consapevolezza ( “il matrimonio non è uno scherzo, pensaci almeno cento volte prima di farlo” raccomandano gli ungheresi).

Ci vorrebbero affinità di abitudini, parità d’educazione, somiglianza d’abitudini e sintonia di pensiero: “moglie e buoi dei paesi tuoi” significa solo questo.

Infine per i veneti la ricetta vincente sarebbe “per far un bon matrimonio, ghe vol’omo sordo e la dona orba“: perché in fondo, per certe piccole cose, glissare facendo finta di non sentire e di non vedere, non è la base di ogni buon quieto vivere che si rispetti? ;-)

©Mitì Vigliero

E voi conoscete altri proverbi o modi di dire sul matrimonio ?
O canzoni, film, poesie, che abbiano a che fare con lui?
°°°

Angela: 1. Li maccarune so come a o matremonie, se cunzumene quanne sò bell call call (I maccheroni sono come il matrimonio, si consumano ancora caldi)
2. Ci tène ternise sembe conte ci tene megghiera bbone sembe cante (Chi ha denaro sempre conta, chi ha moglie bella sempre canta)
3. Zite e lutte, lasse tutte. (Nozze e lutti, lascia tutto)

Beppe: Modo di dire: Far le nozze coi fichi secchi.
Film: Quando la moglie è in vacanza.

Krishel: Sting The secret marriage. Una bellissima canzone su come non sia necessaria la cerimonia nuziale, nè pezzi di carta dello stato, per sentirsi sposati. Soprattutto se c’è amore.
Film: Quattro matrimoni e un funerale, Il mio grosso grasso matrimonio greco, Il matrimonio del mio migliore amico e ce ne sarebbero altri che non mi vengono in mente.

Luca: Il film I manezzi pe màia na figgia “gli intrighi per maritare una figlia” del Grandissimo Gilberto Govi ed il video consiglio di mio cugino Claudio al matrimonio di Roby (da leggere con accento tipo gabibbo)”Claudio che augurio fai agli sposi?… auguri non ne faccio perchè portano male, però ci posso dare un consiglio … tanta tanta tanta, ma tanta pazienza

Princy60: “Le nozze di Figaro” di Mozart

MimosaFiorita: La sottoscritta zitella e’! ma tra amiche e colleghe(i) di battute sul matrimonio quante ne voglio-
Simona: il matrimonio e’ quella cosa che, quanno metti i piedi fori dal letto devi anna’ a paga’ le bollette.
Carmelo:t’e’ piaciut e tinatill cara cara ciu’ u mellon t’e’ uscit bianc mo con chi te la vuo’ piglia?
Stefano: femmena piccante pigliatella pe’ amante, femmena cucinnera pigliatella pe’mugliera.
Francesca: quanno la ciociara se mmarita ndo’ ce vo’ la rosa e ndo’ la ciocia.;*)

Simone: “Agosto, moglie mia non ti conosco” è un classico.
Dicono faccia riferimento a quella cosa che inizia per Tradi e finisce con Mento…un cazzotto sul Mento!

Max: una canzone che sei anni fa hanno cantato al mio matrimonio, e che avevamo scelto noi, era: La casa sulla roccia, il testo diceva pressoche che chi sostruisce una casa sulla sabbia, fa forse meno fatica, ma non dura molto, invece chi la costruisce sulla roccia, fatica di più ma la casa dura a lungo.

Blimunda: Direi che una divertente è questa, cinica, di Oscar Wilde:
L’uomo si sposa perché è stanco, la donna perché è curiosa. Entrambi rimangono disillusi”.

Fran(cesca): sposi gioveni, corni e cros; sposi veci peti e toss (trentino)
Bigamia è avere una moglie di troppo. Monogamia è la stessa cosa. (O. Wilde)
Se i coniugi non vivessero insieme, i matrimoni ber riusciti sarebbero più frequenti. (nietzsche)
Se ti sposi, te ne pentirai.
Se non ti sposi, te ne pentirai lo stesso
.
(dalla legge di murphy sull’amore, paradosso di Kierkegaard)
Un uomo che non si è ancora sposato è incompleto.
Poi è finito
. (idem, legge di Zsa Zsa Gabor)
È altrettanto difficile vivere con la persona che si ama che amare la persona con cui si vive. (idem, Paradosso di Rostand)

Clo: Non è che sono contrario al matrimonio; però mi pare che un uomo e una donna siano le persone meno adatte a sposarsi.
(Massimo Troisi)
Il matrimonio è l’unica forma di schiavitù che la legislazione ancora conosca.
(J. Mill)
Se ti portano via la moglie la miglior vendetta è lasciargliela.
(S. Guitry)

GigiMassi: Ce n’è una straclassica, di Guy de Maupassant: “Il matrimonio? Uno scambio di cattivi umori di giorno e di cattivi odori di notte” :)

Anna: Mi sono molto divertita oggi, con il post e i commenti che ho potuto leggere. Non so se sia stato già citato il film di De Sica “Matrimonio all’italiana”, con la Loren e Mastroianni.

Rosy: Films: La sposa turca, Scene da un matrimonio
Mio padre diceva che: prima c’è la luna di miele, una volta finita resta solo la luna

Cristella: Intènt che la bèla l’è mirèda, la brota l’è spusèda (Intanto che la bella è ammirata, la brutta è sposata)
Om maridé, om impiché (uomo maritato, uomo impiccato)
Clu ch’s marida da vèc, e tò la dona par i elt (Chi si marita da vecchio, prende la donna per gli altri)

Lesorja: A parte le perle di saggezza popolare in Limba : “Muzzere bella, maridu currudu”, che non credo abbia bisogno di traduzione, da qualche parte ho letto che “la donna sposa un uomo sperando che cambi, e lui non cambierà, mentre l’uomo sposa una donna sperando che non cambi, e lei cambierà”. Quanto è vero…

Enrico: Io rimarrei sul classico: A Manzoni, I Promessi Sposi:
“Questo matrimonio non s’ha da fare, né domani, né mai.”

Fully: Il matrimonio è quella splendida istituzione per cui un uomo ed una donna decidono di vivere insieme per risolvere problemi che da soli non avrebbero avuto mai. (George Bernard Shaw)

Roger: qui e in altri 3 commenti sotto

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.

58 Replies to “Il Matrimonio”

  1. “Pigghiala bedda e pigghiala pri nienti ca di bedda ti nnì fai cuntentu”

    Prendila bella e prendila senza dote perche della donna bella puoi compiacerti.

  2. “La monogamia è un concetto che hanno solo i piccioni e i cattolici” (Woody Allen, mi pare in Manhattan, ma posso sbagliarmi)

  3. A Torino c’è una vecchia canzoncina che dice “La bela Carolina la volu maridè” (La bella Carolina la vogliono far sposare). Ne parla anche Gozzano in un suo racconto poco conosciuto: “Torino del passato”. La bella Carolina era la figlia del duca di Savoia, sposata a 16 anni con un principe di Sassonia e morta dopo nemmeno un anno per la nostalgia del suo paese natio. Racconto triste ma con i toni delicati e familiari tipici del Gozzano poeta.

  4. beh, arrivo un po’ tardi (non passavo da qualche giorno) ma sgancio comunque un La Rochefoucauld:

    “Il matrimonio è uno scambio di cattivi umori, di giorno, e di cattivi odori, di notte”

  5. Direi che manca un aforisma, piuttosto fondamentale, del nostro meraviglioso Achille Campanile:

    “Matrimonio: paroloni prima, paroline durante, parolacce dopo” :)

  6. Pingback: Aforismi sul matrimonio « aghost

  7. Pingback: Placida Signora » Blog Archive » Usanze e Tradizioni Nuziali

  8. rosc_acronimo dell’anonimo triestin: “l’amor pol anche eser ceco ma nol xe sordo”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.