La canzone del primo batticuore

-Me lo impresti per favore il concòne per la festa di Martina?

A chiedermelo è Laura, amica mia e mamma di Martina, quasi 13 anni biondi, alti e sottili.
Il concòne è un’enorme ciotola della Guzzini, adattissima nelle feste ad essere riempita di insalata di riso o cocktail alla frutta da pescare col mestolino.
E sabato Martina festeggerà i suoi 13 anni nel giardino di casa, insieme ad una truppa di coetanei.

-E’ eccitatissima – dice Laura – Sta curando ogni particolare, vuole fare una festa a tema e le ha dato persino un titolo “13 anni come quelli della Mamma“. Pensa che ha tirato fuori tutti i vecchi 33 e 45 giri che ha trovato in casa, cose mie e di suo padre. Meno male che i giradischi funziona ancora…
-Ma il mangiadischi no! – mugugna Martina – Faceva di più i tuoi tempi, il mangiadischi…
-Il mio era rosso – dico
-Anche quello di mamma
-E cosa ballerete?
Martina s’illumina – Cose vecchissime!

Io e sua madre ci guardiamo, sentendoci di botto così

-Oè, vecchissime…ma sentila! – sbotta sua madre – Cose  anni ’60, primi ’70…Beatles, Rolling Stones, I Giganti, Barry White, Celentano, Morandi, la Caselli e Nada, Mina e la Vanoni…
-E i balli del mattone? – chiedo
-Eh? – fa la fanciullina
-Quei balli a due, abbracciati, che si facevano quasi stando fermi muovendosi appena…I lenti.
-I lenti…- sospira Laura – …che belli i lenti…Adoravo quelli italiani … Baglioni , Don Backy , Endrigo
-…la rotonda sul mare e il sapore di sale  e i granelli di sabbia… – sospiro io

-Che palle! – sogghigna la quasi 13enne
-Capisci niente… – esclamiamo in coro io e sua madre ridendo, mentre nella mente ci passano tutti quelli ballati, e dalla nebbia del tempo emergono immagini di salotti, terrazze e giardini decorati con festoni colorati, tavoli pieni di pizzette panini e pasticcini, volti e voci, e i primi grandi batticuori

E voi, la ricordate la canzone del vostro primo batticuore?

***

Flat Eric: Ornella Vanoni con L’appuntamento. Prima mattonata. ;-]

Laflauta: Io son cresciuta a pane e passerottononandarevia. ma i primi balli della barbie con big Jim, col mangiadischi rosso (non ce n’erano altri colori, sono sicura…), erano sul walzer di chiusura di LupinIII. Bambina ero, e che bambina..-(la barbie ero io, ovviamente!)

Angela: Del primo, Hey Joe – Jimi Hendrix :) Del secondo, Everybody Here Wants You – Jeff Buckley :)

Beppe: Lei aveva un sacco di lentiggini e la canzone era la peccaminosissima Je t’aime moi non plus ;)

Sciroccata: Destinazione paradiso, di Gianluca Grignani. e lo so, nessuno è perfetto.

Pat: Il primo, 13 anni Come mai degli 883, il secondo (nonchè ultimo e attuale) Wicked Game di C. Isaak (occhi a cuore e sospirone con sorriso ebete

Regi: A whiter shade of pale o la versione italiana Senza luce.

Beba: Mamma mia me lo ricordo ancora … la colonna sonora de IL TEMPO DELLE MELE … Ma quanto tempo è passato? GULP!!!

Sciura Pina: Lucio Battisti “Emozioni”…ma il mio mangiadischi era (ed è) fucsia

Mimosa fiorita: Accoccolati ad ascoltare il mare, quanto tempo siamo stati senza fiatare, seguire il tuo profilo con un dito…E tu fatta di sguardi e tu…e il cuore a 10mila…

Maxime: Scusa non ho capito, puoi ripetere, che cosa avevi da fare… di tanto importante da non potere proprio proprio rinunciare? Vasco Rossi – Non l’hai mica capito

Chamfort: Ciao amore ciao di Tenco. Nel giardino di casa sua a San Michele di Pagana, con le zanzare che non davano tregua ma me ne sono accorto solo il giorno dopo ;OD

John: Jealous guy di John Lennon nella versione Brian Ferry e Roxy Music

Noeyalin: Spero per Martina che questo scartabellar di dischi la porti a scoprire gioiellini meravigliosi. Io non smetterò mai di ringraziare mia madre per la sterminata quantità di dischi che aveva collezionato da giovane e che, molto lungo, sono stati l’unica cosa che ascoltavo, da Nada a Frank Sinatra, dai Beatles a Don Bachi.Un patrimonio sonoro e immaginifico d’inestimabile valore, a cui sono legata in maniera fortissima. Quando poi ho messo da parte i dischi e mi sono innamorata per davvero, c’era Bryan Adams e una delle canzoni più “tronche” mai esistite: “Everything I do (I do it for you)”

Gemisto: Angie dei Rolling Stones. “…Oh, Angie, don’t you weep, all your kisses still taste sweet…

Captain’s Charisma: Altrochè se me la ricordo, era About a girl dei Nirvana e lei era una santa donna…per fortuna ha trovato un marito ;-)))))))))

Anna: Piccolo grande amore…Ancora oggi, quando la sento, mi trasporta a certi pomeriggi sul mare,con i miei vecchi amici, ad aspettare la sera dopo una giornata di spiaggia…Che rimpianto!

Francesca: Wake me up before you gogo’ degli Wham… ahhh si chiamava Enrico, io ero in seconda media, lui in terza. Festa da unìamica di classe bellissima, lui non mi guardò mai!

Catepol: Dunque dunque alle medie si ballava sul tempo delle mele ovvio (e anche dopo)

Cynaro: London Calling dei Clash per il primo e Elusive di Scott Matthews(scaricato e poi comprato originale giusto perchè lo dovevo a una storia in cui ho avuto poco e amato moltissimo. mai sentito dal cd) per l’ultimo.

Luca: the knack My sharona

Andrea: Beh, non proprio il primo, comunque SOLO LEI HA QUEL CHE VOGLIO dei SOTTOTONO.

Glossy: Altroché! Quella del capostipite di tutti i successivi batticuore era Canzoni Lontane di Eros Ramazzotti, uno che nemmeno mi piace. Ma ancora adesso se mi capita di risentirla ho dodici anni e mezzo, un giubbotto di jeans con le spalle troppo larghe e la prima (e ultima) permanente della mia vita. So Eighties, anche se era il’90.

Andrea: per me “tra me e te” dei B-Nario !!!sconosciuti per molti ma un ricordo per me e mia moglie….

Roger: Io ho lungamente sofferto in gioventù di “tachicardia”…finché un bel giorno..incontrai la “dottoressa” che mi ha curato…fra le canzoni del batticuore scelgo La canzone del sole di Lucio Battisti

iMod: “Il cielo” di Renato Zero: correva l’anno 1977 e io ero un bambino di 1a elementare, innamorato di Alessia Mastrangelo (pari età). La baciai sulla guancia… che emozione!
Faccio un appello (ne approfitto): Alessia Mastrangelo, dove sei?

Marchino: Purple rain di Prince a pari merito con Going home (il tema del bellissimo film “Local hero”), avevo anche fatto la cassetta (ché una volta c’eran le cassette, ora non più) con la copertina con i colori a tono.

Luca Moretto: “Strani Amori” che… fanno crescere. :-) Pausini!

Contrabbubis: Oh Dio!!! è proprio il tema del giorno!!! che bel tema! Steve Hackett da “Trick of the tail” “firth or firth”

Krishel: Non ho una prima canzone d’amore ma una canzone legata a certi sentimenti. All that could have been dei Nine inch nails.

Grazitaly: Charles Whisper – Wham/George Michael

Paola: Primo batticuore: Losing my religion – Rem (1991- avevo 13 anni!)

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.


53 Replies to “La canzone del primo batticuore”

  1. Vero, vero: Genesis, ma in quel periodo è uscito anche il bel disco di Hackett da solo e li sentivamo insieme alla mia amora!!! Me l’hai fatti ricordare e da buon sentimenntalone me li sono ri andati a cercare. Ciao

  2. ciao miti’
    la nostra canzone e’
    “amore disperato” di nada e
    la canzone “E….” di Vasco

    un bacione meme

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.