Perché si dice: Fare il Pulcinella

La maschera napoletana di Pulcinella è l’incarnazione di un personaggio pettegolo, volubile, opportunista, furbastro, impulsivo, spesso fastidioso come una piccola pulce, che riesce sempre a mettersi nei pasticci e – alla fine – a essere bastonato.

Fare il Pulcinella significa quindi sia comportarsi da persona interessata, doppiogiochista, poco seria, sia anche “fare lo scemo”: in lombardoFa’ minga il Pulcinela” si dice di solito ai bambini esagitati che cercano l’attenzione degli adulti facendo smorfie, gesti inconsulti o lanciando strilli belluini.

Invece Le nozze di Pulcinella indicano una festa o una manifestazione che finisce regolarmente  con risse, liti e pestaggi; infatti l’altro modo di dire Finire come le nozze di Pulcinella si usa per definire un’impresa di qualunque genere partita bene e finita male.

Il Segreto di Pulcinella è infine una notizia che dovrebbe essere segreta, ma in realtà è nota a tutti; perché Pulcinella è un invadente curiosone gran linguacciuto e per nulla discreto, oggi si direbbe “amante del gossip”, che pur di redersi interessante agli occhi altrui non riesce a tenere la bocca chiusa e al quale è meglio non confidare proprio nulla.

© Mitì Vigliero

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.


22 Replies to “Perché si dice: Fare il Pulcinella”

  1. Adoro Pulcinella da quando ha cominciato a disegnarlo Luzzati. Non riesco a immaginarlo diverso. Perciò un bacio a Pulcinella e uno a Lele, da lontano.

  2. Eppure non mi sembrano positivi i significati abbinati a Pulcinella. Magari talvolta e’ simpatico ma certamente non lo si associa a caratteristiche positive. Mi sbaglio?Un saluto

  3. In Brianza invece è il sempiterno:

    Fa minga el pirla!

    Oppure:

    Fa minga el Paletti!

    (penso che Paletti fosse un comico anni ’50).

  4. A proposito del segreto di pulcinella, qui da noi si dice anche: “du scidi Deus e tottu su mundu”…”lo sa Dio e tutto il resto del mondo”, altro che segreto…

  5. Per tenere un segreto, in Brianza:

    Bocca, tàs che te dò on benìs!
    [bocca mia, taci che ti dò un confetto]

  6. daccordissimo con l’analisi dell’uso dell’affermazione fare il pucinella. Si, significa effettivamente fare lo scemo ed aggiungo: per non andare in guerra. In altre parole Pulcinella non è scemo ma fa lo scemo per fare scemi gli altri.
    Massimo rispetto per la maschera che è stata oggetto negli anni di un feroce attacco da parte degli intellettuali che l’hanno resa quello che sembra essere oggi: l’ombra di se.
    Ciao

  7. Pingback: 10 uova per chilo per la ricetta della pasta all'uovo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.