Piatti tipici di Pasqua

Pranzo di Pasqua

Quale specialità tradizionale della vostra regione
non deve mancare sulle vostre tavole?

***

ZiaPaperina: La Torta Pasqualina, ricetta classica genovese, senza cose foreste in mezzo. E rigorosamente fatta in casa (sai che ho imparato a farla? :o)

Gigi Massi: L’abbacchio. La cucina romana è macellara

Chamfort: I carciofi fritti e l’antipasto di fave e salame di Sant’Olcese (Ge)!!

Roger: Cantuccini di Prato e vin santo e panpepato di Siena

Waki: L’agnello e l’uovo di cioccolata. Questo quando si era bambini. Diciamo un po’ più di ventanni fa. Oggi più niente. Un giorno come un altro. Purtroppo.

Grazitaly: (Bergamo) Torta salata di Pasqua e la Colomba

Solitaire: Io vado matta per la torta (salata) di Pasqua umbra ma nel mio paese di origine (Calabria) sulle tavole pasquali non mancano mai le sgute (o ‘ngute che dir si voglia). Sono dolci di varie forme, solitamente a cestino o borsetta, con un uovo sodo (intero, con il guscio) come *decoro*.

Marchino: Non c’è un piatto pasquale particolare, nel cremasco; i tortelli dolci sono un jolly per tutte le ricorrenze importanti. Io preparerò il plum cake con le fave da mangiare con il salame.

Cynaro: A Palermo capretto al forno con le patate e sua maestà la cassata…come la faccio io però…

Stefigno: Allora, senza ombra di dubbio alcuno ladies and gentleman COLOMBA, absolutely. Ma quella fatta , a mano dalla nonna…con ingredienti totalmente genuini…

Blimunda: (Genova) Il cappon magro della mia mamma (ma non lo fa più da anni e visto quanto ci metteva, forse ha anche ragione :-)

Bauxina: Qui, a Crotone, calabria jonica, quella più trascurata, si usa mangiare la mitica “cuzzupa” un dolce cui si dà una forma, a canestro, a cuore, a cesto fiorito, altamente simbolica. Su questi dolci vengono messe delle uova, uno o due a seconda della grandezza del dolce. Le cuzzupe hanno pasta compatta, semidura, non dolcissime e sono ideali per essere inzuppate nel latte… nei giorni dopo la Pasqua.

Krishel: Mia madre per Pasqua aveva la tradizione di fare le uova sode decorate in un cestino di vimini. Aveva una mano talmente bella che era uno spettacolo solo a vederle.

Brianzolitudine: Insalatina pasqualina con uova sode. Mmmm, che buona!

Andrea: Da noi in Sardegna tra le altre cose l’agnello arrosto…anche se il maialetto (sempre arrosto) non manca mai (guai!!!!)…e poi i vari dolci (formagelle,piricchitttus,pabassinas…etc.

Alberto: In Umbria, e specialmente nella mia provincia (Terni) si usa preparare la “colazione di Pasqua”. Si servono uova sode, frittata rustica, salsicce secche, pizza di formaggio (anche detta pasqualina o pizza di Pasqua), asparagi lessati, non mancano gli insuperabili affettati umbri. Ricordo che Norcia è a due passi da qui, quindi prosciutto, capocollo, lonza, coppa, lombello, salcicce e altri prodotti di norcineria sono unici ed insuperabili… Nel pranzo di Pasqua, invece non manca l’agnello arrosto ed altre pelibatezze come costolette di maiale, pollo ruspante…. Visto che ci si è fatti tanto male durante il giorno di Pasqua, il lunedì (Pasquetta)si continua ad infierire facendo la caratteristica gita fuori porta. Si sceglie un bel prato, ci si stende una grande tovaglia e si ricomincia a mangiare…. è consigliabile non pesarsi prima e dopo questi giorni…

Angela: Ehilà non poveva mancare un pò di Puglia e, dunque, a casa mia, calzone di “sponzali” (cipolla bianca, lunga), agnello con le patate e i lampascioni e i “cavallucci” biscotti all’uovo con il “giuleppe” (glassa) :)

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.

45 Replies to “Piatti tipici di Pasqua”

  1. La Torta Pasqualina, ricetta classica genovese, senza cose foreste in mezzo. E rigorosamente fatta in casa (sai che ho imparato a farla? :o)

    Tornata la luce?

  2. Gigi, pensa che io invece uno dei pochi piatti che non tollero è proprio l’abbacchio…Proprio non mi piace il sapore sia dell’agnello che del capretto. Di solito mangio solo le patate che li accompagnano ;-D

  3. I carciofi fritti e l’antipasto di fave e salame di sant’Olcese!!!!

  4. una bistecca alta tre dita…cantuccini di Prato e vin santo…e panpepato di Siena..non panforte…il panpepato è un altra cosa..

  5. pranzo di pasqua? quello che volete basta stare leggeri devo vedere il Gran Premio di F1 e la mitica rossa e non vorrei addormentarmi causa digestione

  6. L’agnello e l’uovo di cioccolata.
    Questo quando si era bambini.
    Diciamo un po’ più di ventanni fa.
    Oggi più niente.
    Un giorno come un altro.
    Purtroppo.

  7. Io vado matta per la torta (salata) di Pasqua umbra ma nel mio paese di origine sulle tavole pasquali non mancano mai le sgute (o ‘ngute che dir si voglia).
    Sono dolci di varie forme, solitamente a cestino o borsetta, con un uovo sodo (intero, con il guscio) come *decoro*.

  8. No, il paese di origine si trova in Calabria.
    (Non mettevo più il link perché il blog era temporaneamente *fuori servizio*…)
    :-*

  9. Non c’è un piatto pasquale particolare, nel cremasco; i tortelli dolci sono un jolly per tutte le ricorrenze importanti.
    Io preparerò il plum cake con le fave da mangiare con il salame.

  10. le ho viste…è primavera…poco fa mentre stavo salutando mia cugina che torna in Sudafrica un improvvisa folata di vento per l’ avvicinarsi di un probabile temporale, mi ha fatto alzare gli occhi al cielo…e le ho viste….si ho visto le rondini è stato un attimo sono passate come frecce…loro vengono dall’ Africa…invece mia cugina vi torna..che momento davvero particolare per vederle…

  11. Allora, senza ombra di dubbio alcuno ladies and gentleman COLOMBA, absolutely. Ma quella fatta , a mano dalla nonna…con ingredienti totalmente genuini…
    :-)
    Ahhh..scusami quasi dimenticavo, ti ho risposto poi sul mio blog, alla tua domanda…

  12. Il cappon magro della mia mamma (ma non lo fa più da anni e visto quanto ci metteva, forse ha anche ragione :-)

  13. qui, a Crotone, calabria jonica, quella più trascurata, si usa mangiare la mitica “cuzzupa” un dolce cui si dà una forma, a canestro, a cuore, a cesto fiorito, altamente simbolica. Su questi dolci vengono messe delle uova, uno o due a seconda della grandezza del dolce. Le cuzzupe hanno pasta compatta, semidura, non dolcissime e sono ideali per essere inzuppate nel latte… nei giorni dopo la Pasqua.

  14. Mia madre per Pasqua aveva la tradizione di fare le uova sode decorate in un cestino di vimini. Aveva una mano talmente bella che era uno spettacolo solo a vederle.

  15. Graziano, ma che lusso! Deve essere meravigliosa. (Tesò, miracolosamente sono riuscita ad entrare nel tuo blog – con firefox e dopo 15 minuti di tentativi. In compenso non riesco a commentare….:-( Ci deve essere qualcosa di incompatibile tra il mio pc e space-live (mi capita con tutti i blog di quella piattaforma)
    Sappi però che per lo meno ora ti leggo, eh? :-***

  16. Da noi in Sardegna tra le altre cose l’agnello arrosto…anche se il maialetto (sempre arrosto) non manca mai (guai!!!!)…e poi i vari dolci (formagelle,piricchitttus,pabassinas…etc.

  17. La nostra ricetta è questa: si fa un giro di telefonate ai parenti e si cerca di capire che cosa fanno per pranzo, poi si decide da chi invitarsi.

  18. in Umbria, e specialmente nella mia provincia (Terni) si usa preparare la “colazione di Pasqua”. Si servono uova sode, frittata rustica, salsicce secche, pizza di formaggio (anche detta pasqualina o pizza di Pasqua), asparagi lessati, non mancano gli insuperabili affettati umbri. Ricordo che Norcia è a due passi da qui, quindi prosciutto, capocollo, lonza, coppa, lombello, salcicce e altri prodotti di norcineria sono unici ed insuperabili… Nel pranzo di Pasqua, invece non manca l’agnello arrosto ed altre pelibatezze come costolette di maiale, pollo ruspante…. Visto che ci si è fatti tanto male durante il giorno di Pasqua, il lunedì (Pasquetta)si continua ad infierire facendo la caratteristica gita fuori porta. Si sceglie un bel prato, ci si stende una grande tovaglia e si ricomincia a mangiare…. è consigliabile non pasarsi prima e dopo questi giorni…

  19. Ehilà non poveva mancare un pò di Puglia e, dunque, a casa mia, calzone di “sponzali” (cipolla bianca, lunga), agnello con le patate e i lampascioni e i “cavallucci” biscotti all’uovo con il “giuleppe” (glassa) :)

  20. Una cerimonia imperdibile è la colazione di Pasqua con la tavola decorata, uova sode, salame, colomba eccetera.
    Un piatto che mi piace fare di questi tempi è la vignarola, piselli, fave, lattuga, carciofi…. gnam.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.