I Fratti golosi

Come promesso nei commenti a ComidadeMama, ricambio la ricetta dei suoi caponèt con quella dei fratti.
Che poi sarebbe “frati”, con una T sola; ma si sa che il dialetto ligure è specialista a metter doppie dove non ci sono e toglierle dove invece andrebbero…E quindi fratti siano.

Si tratta di un piatto antichissimo, nato nei montani conventi medioevali della provincia di Savona, con lo scopo di rispettare a cuor leggero e stomaco soddisfatto le penitenze dei numerosi “giorni di magro”.
E il suo nome nacque da uno slancio d’umorismo dei frati stessi, che si riconoscevano perfettamente nella forma panciuta e coperta del bigio saio delle lattughe.

Fratti di magro
4 lattughe cappucce; 400 gr di passata di pomodoro; 1 tazza di brodo leggero; 6 cucchiai di pangrattato; 1/2 bicchiere di latte; 1 uovo; 100 gr. di formaggio grattugiato; 50 gr. di pinoli; 1 mazzolino di prezzemolo; 2 spicchi d’aglio; 3 rametti di maggiorana; olio; sale; pepe.

Preparare il ripieno pestando i pinoli nel mortaio. Versarli in una terrina insieme al prezzemolo, maggiorana, aglio tritati e al formaggio. Unire l’uovo per amalgamare e il latte per fluidificare. Pulire le lattughe, togliere i torsoli e le foglie esterne; gettarle per 2/3 minuti in acqua bollente: scolarle bene ed aprirle, allargando le foglie piano piano, per introdurre il ripieno con un cucchiaio. Legarle con del filo; sistemarle delicatamente in una pirofla con olio, il brodo e il pomodoro. Metterle sul fuoco basso, col coperchio, e cuocerle dolcemente per 30 minuti.

Ne esiste anche una versione “di grasso”.
Fratti di grasso in brodo
8 foglie di lattuga (meglio se cappuccia, sennò va bene tutta) grandi e belle; 250 gr di carne di vitello; 100 gr di cervella; 30 gr di burro; 1 uovo; 1 presa di maggiorana; 2 pugni abbondanti di formaggio grattugiato; brodo di carne; sale.

Rosolare la carne di vitello e la cervella; tritarle finemente e metterle in una terrina. Unire l’uovo, il formaggio e la maggiorana, mescolando ogni volta a lungo. Con l’impasto fare delle palline grandi quanto quelle da ping pong. Scottare in acqua bollente le foglie di lattuga e avvolgere con queste le palline di ripieno; legarle con filo e farle bollire per 10 minuti in acqua e sale. Scolarle, posarne due per fondina e coprirle di brodo di carne bollente. Servire immediatamente e buon appetito.

©Mitì Vigliero da qui

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.


17 Replies to “I Fratti golosi”

  1. Quelli in brodo li facevano sempre a casa mia il giorno di Pasqua. Poi mancati i nonni, sono diventati un piatto dimenticato. Mi sa che riprenderò la tradizione!!! :O)

  2. Erano una specialità della mia nonna. Lei metteva, nel ripieno, anche un po’ di pasta di “luganega”. Gnam! ;-)***

  3. io ho fatto una volta una specie di questi involtini invece che con la lattuga con la verza. Mi piacciono tutte e 2 le versioni, anche se la prima fa più da ‘vero’ contorno. Grazie che mi fai conoscere qualche piatto della tua terra:-)

  4. Bentornata :)
    In Puglia (Bari) non se ne fanno fagottini, o meglio, vedi ora mi ricordo nonna Bella, la bisnonna dei miei ragazzi, lei mi parlava di cicoria con cui faceva degli involtini, come crepes. Oggi viene mia mamma, vedrò se ne sa qualcosa.
    Abbraccio

  5. mi è venuto in mente che in piemonte queste cose si fanno con le foglie di cavolo però ci metti anche la carne trita…insomma sembra un’altra cosa …più pesante diciamo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.