Placida vita nuova

rosa.jpg

Finisco l’anno con una placida vita completamente nuova, caratterizzata da galòp se possibile ancor più frenetico, e che comprende anche due nuove case; una è questa.
Ovviamente, come in ogni nuova casa che si rispetti, devo ancora ambientarmi; dopo aver più o meno sistemato la soffitta, devo ora capire come funziona qui la caldaia, scoprire dove sono i vari contatori di luce, acqua e gas, evitare di spaventarmi per tutti quei nuovi rumori e luci e suoni che ogni casa possiede ed emana.
In attesa dei decoratori che daranno l’impronta definitiva tinteggiando pareti ed appendendo quadri e link, cerco di far funzionare la nuova serratura; quindi non preoccupatevi se lasciando un commento non lo vedrete comparire subito. Le serrature nuove hanno bisogno d’essere usate per un po’, prima di funzionare perfettamente.
Per il resto, sappiate che qui – a parte l’indirizzo – non è cambiato assolutamente nulla.
Questa placidacasa è sempre quella che volli quasi 3  anni fa scrivendo le parole che riporto da là a qui
: e non ne cambio una virgola.
La vita è come un gioco…
…governato dalla luce, e la luce stessa è vita.
Provo a giocare anch’io, anche se gioco in casa; qui ho già molti amici, molto calore, molto -direi- amore.
Sappiate che questo salottino sarà sempre uno spazio tranquillo per riflettere, imparare, scambiare idee, cultura, saperi, ricordi, tirare il fiato, sfogarsi, rilassarsi, sorridere in piena tranquillità.
Un mazzo di fiori sempre freschi sulla tavola, morbide poltrone foderate di stoffa allegra anche se un po’ lisa, divani, tappeti, pouf, un grande camino da accendere quando è il caso, una cucina una ghiacciaia e una dispensa piene di cose buone da bere e da mangiare: gli amici qui sono sempre i benvenuti, ogni giorno è buono per fare una piccola festa.
Serenità, ecco.
Vorrei, voglio donarvi, e ricevere, serenità.
Il resto sarà anche sempre tutto un gioco più o meno allegro e onesto, fatto però al di fuori di questa porta: ma qui dentro non entreranno mai né isterici strilli, né gratuita volgarità, né acida cattiveria, né stupida superbia, né ambiziosi sgomitamenti, né beceri esibizionismi, né invidie e gelosie, né melliflua malafede, né ferocia da branco, né sterili polemiche.
Lo prometto.
Che la notte vi sia lieve e dolcissimi i sogni.

*
Ben ritrovati, Tesorimiei. Mi siete mancati da morire.
*

A proposito di Placida Signora

Una Placida Scrittora ligurpiemontese con la passione della Storia Italiana, delle Storie Piccole, del "Come eravamo", del Folklore e della Cucina.

222 Replies to “Placida vita nuova”

  1. Ciao bentornata , la tua mancanza si sentiva…..e il saperti triste era preoccupante…il tuo ritorno riporta allegria e felicità

    …..

    scusami…..non ho fatto in tempo ad ingrassare il famoso vitello ( buon per lui…) per festeggiare il tuo ritorno , ripiegherò sul panettone grosso….spero vada bene lo stesso….

    :)….. BENTORNATAAAAAAAA PLAAAA….. a presto………. :)))

  2. ooooh, finalmente!
    e che lusso la nuova casa (questa, di quella di mattoni non saprei dire)
    un abbraccio grande!

    beppe

  3. Sono felicissima di ritrovarti finalmente serena. Questa casa è molto …sciccosa,complimenti e tanti auguri anticipati!!! A presto rileggerti-rileggerti-rileggerti!!! Ciao!

  4. No…io i dolci al massimo me li faccio preparare e poi li mangio…quelle ricette sono di simpatici bambini che frequentano le scuole elementari in cui insegna la “maestra Maria”!! ;)

  5. Dimenticavo di dirti (uso il “tu”, nonostante abbia solo 20 anni…potrei essere…o sarei potuta essere…una tua alunna…ma il bello della rete è che riesce a rendere tutti alla pari…almeno a mio avviso…) che seguivo già prima del “trasloco” il tuo blog…anche se lo facevo silenziosamente!!

    Mi mancava davvero il tuo contributo!!

    Un saluto affettuoso da una studentessa di Lettere Moderne…proprio come lo sei stata tu!! :D

  6. Silvia, altro che mia alunna!
    Pensa che ieri ho riconosciuto nel proprietario di un negozio il papà di una delle mie primissime allieve. La virgulta ha 41 anni. Io 49 (ok, ero già laureata a 22 anni, però è stato uno shock lo stesso
    ;-))

  7. Beh…questo non cambia..potrei comunque essere un’ipotetica alunna…sarebbe stato bello avere una coetanea come insegnante… ;)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.